7.8/10

TITANIC

Regista

James Cameron

Cast

Leonardo Dicaprio, Kate Winslet, Billy Zane

Sceneggiatore

James Cameron

Produttore

James Cameron, Jon Landau

Durata

194 min.

Offerte
Data di uscita

16/01/1998

Un'avvincente storia d'amore tra Jack e Rose membri di due diverse classi sociali. Un film d'azione che ha come sfondo lo sciagurato viaggio inaugurale del transatlantico britannico Titanic, il più grande mezzo mobile mai costruito. Era anche la più prestigiosa della sua epoca, questa "nave dei sogni" che finì per portare più di 1500 persone alla morte nelle acque ghiacciate del Nord Atlantico, alle prime ore del 15 aprile 1912.

Titanic. Un oceano di emozioni!

“Titanic” è un film del 1997 scritto e diretto da James Cameron (“Terminator 1 e 2”, “Aliens: scontro finale” e “Avatar”).

Il film è un colossal storico e drammatico che ha per protagonisti Jack Dawson (Leonardo DiCaprio) e Rose DeWitt Bukater (Kate Winslet). I due si innamorano durante il tragico viaggio inaugurale del Titanic. La pellicola è ancora il secondo maggior incasso nella storia del cinema (al primo posto c’è “Avatar” sempre diretto da Cameron). Il film ha inoltre vinto ben 11 Oscar.

Ritorna ora nelle sale cinematografiche per festeggiare il ventesimo anniversario, 8-9-10 ottobre! Non perdetevelo!

Una ricostruzione storica incredibile!

Il Titanic era un transatlantico diventato famoso per la collisione con un iceberg avvenuta nella notte tra il 14 e 15 aprile 1912 con conseguente naufragio avvenuto nelle prime ore del 15 aprile 1912. Era la massima espressione della tecnologia navale del tempo ed era il più grande e prestigioso transatlantico del mondo. Nei primi minuti di film ci viene mostrato il transatlantico in due periodi storici differenti: ai giorni nostri, con le riprese subacquee realistiche dei ricercatori che, oltre a documentare il relitto, cercano un gioiello dal valore inestimabile e poi nel suo momento di massimo splendore nel 1912 quando  salpa dal porto di  Southampton. La narrazione del film gioca molto sul confronto storico del Titanic in periodi differenti, portando avanti due storyline che alla fine si incroceranno e faranno luce su alcuni aspetti importanti. Merito soprattutto del contributo di un’anziana donna che, con la sua testimonianza, chiarisce alcuni aspetti a lungo ignorati.

Una love story autentica!

Jack Dawson è un artista squattrinato proveniente dal Wisconsin. Nonostante la sua condizione economica riesce a spostarsi di città in città grazie alla sua passione per il disegno. Rimane estasiato da Parigi e dalla tecnica artistica di Claude Monet. E’ un ragazzo che vive alla giornata ed è grazie a questa visione della vita che vincerà, a poker, il biglietto per il Titanic! Rose DeWitt Bukater è una giovane donna facente parte della classe abbiente, un’aristocratica decadente e per questo costretta dalla madre a sposarsi con Hockley, giovane rampollo di una compagnia florida. Rose è una ragazza bella, colta e sensibile ma anche infelice per il futuro che le spetta. Le cose cambieranno quando incontrerà Jack…

Quando si vuole sfidare la sorte…

L’uomo è capace di compiere grandi imprese e rendere possibile ciò che sembra impensabile ma, a volte, con enorme superbia, pensa di poter avere il controllo sulla natura. Il Titanic, come afferma Rose, era una nave dei sogni, un miracolo ingegneristico se si considera l’epoca, il 1912, in piena Belle Epoque, quando si respirava un sentimento di generale ottimismo destinato poi ad affievolirsi con l’avvento della Grande Guerra. La tragedia del Titanic poteva essere evitata perchè il transatlantico stava andando ad una velocità consona, ma si sa che l’essere umano non si accontenta e vuole sempre di più. Da qui la decisione di Joseph Bruce Ismay, presidente e amministratore delegato della White Star Line, miliardario egocentrico e passeggero di enorme influenza di costringere il capitano della nave, Edward John Smith, ad aumentare la velocità del Titanic, mettendo in pericolo tutti i passeggeri. Il Titanic affonderà nelle prime ore del 15 aprile 1912…

Commento finale:

“Titanic” è un vero cult ed è senza dubbio un capolavoro! James Cameron dirige un film mastodontico, degno di questo titolo. Un film che racconta in maniera originale e rispettosa quella che è stata una delle più grandi tragedie del ‘900. Una ricostruzione storica impeccabile, effetti speciali che non sono invecchiati di un giorno e una love story commovente. Non manca la critica verso un certo tipo di Sistema, basti vedere le divisioni marcate delle classi sociali. Una scena finale struggente sorretta anche dalla bellissima colonna sonora di Celine Dion.

Recensione di: Giuseppe Fazio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

mostri

Speciale Halloween: Classifica dei Mostri Universal

Un costante e apparentemente infinito dualismo quello proposto dai classici film dell’orrore dello studio cinematografico Universal. Da un lato vediamo…

Spider-Man: Un nuovo universo e la rimediazione stilistica

The Tangled Web: La rimediazione stilistica nel film “Into the Spider-Verse” Introduzione Prima di dedicarci al film centrale di questo…

Ricordando Ennio Morricone: grazie maestro!

Ennio Morricone è riuscito a incantare il mondo intero, grazie al suo stile unico e poliedrico, lasciando un'eredità culturale senza…
darkacademia

I cinque film darkacademia che vi consigliamo di vedere

Negli ultimi tempi, una nuova app ha catalizzato l’attenzione del mondo social: Tik Tok, la piattaforma che permette di caricare…

Fellini degli Spiriti: ritratto pittoresco di un cineasta

Per tre soli giorni è stato proiettato nelle sale di tutta Italia un piccolo ma preziosissimo gioiello di storia del…

10

Capolavoro

Pro

  • Ottima ricostruzione storica
  • Buon ritmo narrativo
  • Una storia d'amore intelligente
  • Sceneggiatura con dialoghi brillanti
  • Ottima regia
  • scene davvero drammatiche
  • Gran lavoro di make up e costumi
  • un vero cult
  • Colonna sonora da manuale
  • Un finale struggente

Contro

  • Nessuno