Mulan
5.5/10

Mulan

Regista

Niki Caro

Genere

Avventura , Azione , Fantasy

Cast

Yifei Liu, Donnie Yen, Jet Li, Gong Li, Jason Scott Lee, Ma Tzi

Sceneggiatore

Rick Jaffa, Amanda Silver, Elizabeth Martin, Lauren Hynek

Produttore

Chris Bender, Tendo Nagenda, Jason Reed, Jake Weiner

Durata

115 min.

Offerte
Data di uscita

04/09/2020

Hua Mulan è una intrepida giovane donna che si traveste da uomo per difendere la Cina dall'attacco di invasori provenienti dal Nord. Figlia maggiore di uno stimato guerriero, Hua Mulan è energica, determinata e agile. Quando l'Imperatore decreta che un uomo per ogni famiglia dovrà arruolarsi nell'Armata Imperiale, Mulan prende il posto del padre malato e si arruola con il nome di Hua Jun, diventando una delle più grandi guerriere nella storia della Cina.

Arriva il live action del Classico Disney “Mulan“. Il film è disponibile sul Disney+ con accesso Vip Premium.

MULAN

Nel bene e nel male, ogni live action di un Classico Disney ha sempre scelto una sua direzione. Chi quella della copia carbone del classico di riferimento, chi quella di una visione creativamente più libera, chi quella del remake shot-by-shot del classico d’origine con un lato tecnico sperimentale più interessante che riuscito. E lascia interdetti, dopo un prologo abbastanza riuscito in cui si chiarifica l’intento femminista, l’indecisione di “Mulan” nell’essere una fiaba o un film wuxia.

Perché, da un lato, nonostante le chiare intenzioni di non voler essere la solita favola disneyana, e la rimozione di elementi fantasiosi come il drago Mushu o i fantasmi degli antenati che si mettevano a litigare nel tempio, in favore di una situazione più verosimile, il film propende comunque di avere degli elementi magici e di mantenere alcuni elementi comici del film d’origine. Dall’altro lato, il wuxiapian tende ad una ricostruzione storica dell’ambientazione, ma non è mai efficace e mai veramente costruito bene.

Mulan: modesto fantasy e pessimo wuxia

Mulan

Mulan” sembra più la brutta copia di un film come “La Tigre e il Dragone“. Una parodia di uno dei generi più importanti della cinematografia cinese, trattato in modo vergognosamente scolastico dagli americani, tanto nelle sequenze d’azione quanto nell’utilizzo di alcune figure iconiche di quel cinema (Donnie Yen e Jet Li sono praticamente sottoutilizzati).

E con questa indecisione di fondo, è stucchevole vedere “Mulan” seguire pedissequamente le vicende del classico d’origine. Tutto più complicato (ed inutile) e senza alcun ritmo. Se il “Mulan” del 1998 era una pregevole storia di una ragazza che si ribellava alla famiglia ed all’ordine costituito per cercare una vita propria e per fuggire dal destino che veniva riservato alle donne, il live action di “Mulan” carica ogni momento possibile di enfasi femminista, risultando clamorosamente meno efficace del classico da quel punto di vista, a tal punto da rendere meno forte la caratterizzazione della protagonista.

Mulan: Una desolante delusione

MULAN

Se il classico Disney era la storia di una ragazza che maturava impegnandosi nei suoi obiettivi ed, incapace di essere una sposa o una guerriera all’inizio del suo viaggio, maturava, diventava un’eroina e riusciva a salvare la Cina dall’invasione degli Unni, nel live action, Mulan è già una figura potente, senza però alcun carisma, senz’alcuna caratterizzazione, senz’alcuna progressione, e le vicende narrate sembrano più un ostacolo per la ragazza che un’opportunità per crescere. Ipoteticamente questo fattore “speciale” di Mulan viene esplicato durante il film, ma è privo di mordente.

Anche perché, con il passare dei minuti, si ha a che fare con un film dalla pessima scrittura. La narrazione non ha guizzi, non ha momenti tensivi, l’intera sequenza dell’accampamento militare è banale, persino l’elemento del travestimento viene vanificato, l’interesse amoroso è labile, gli elementi magici aggiunti, come la fenice emissaria degli antenati, sono futili, i nemici sono mediocri e non incutono alcun timore ed alcuna minaccia, la ricchezza stilistica del classico è sostituita da una messa in scena di una pochezza disarmante e da orripilanti effetti visivi.

Mulan: Tra i peggiori live action dei Classici Disney

Ed, oltretutto, il finale romantico del classico viene qui diluito in un nazionalismo a becero uso e consumo del mercato cinematografico cinese. Ma anche un eventuale sottotesto politico non funziona comunque, proprio per via dell’indecisione che aleggia per tutto il film.

Mulan” vuole essere sia fantasy che wuxiapian senza il magico stupore nel primo caso e senza il funambolismo delle sequenze d’azione nel secondo caso. Senza una precisa direzione e con intenzioni totalmente sfasate. Il risultato è mediocre, se non pessimo, ed è desolante constatare come non si sia riuscito a dare una lettura contemporanea ad uno dei Classici più belli nella ricca storia della Disney. Un classico che raccontava il femminile senza essere indulgente, e che aveva colto il senso dell’epica molto di più di questo live action.

Commento Finale

Per chi volesse una visione senza pensieri, “Mulan” può essere consigliabile, nonostante l’eccessivo costo dell’accesso VIP Premium. Per il resto, il live action del Classico Disney del 1998 è una pallidissima copia dell’originale. Uno svogliato disastro incapace di prendere una decisione ben precisa. Un modesto fantasy ed un pessimo film wuxia.

Recensione a cura di

Ettore Dalla Zanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Fellini degli Spiriti: ritratto pittoresco di un cineasta

Per tre soli giorni è stato proiettato nelle sale di tutta Italia un piccolo ma preziosissimo gioiello di storia del…

Inland Empire: la poetica del surrealismo

È impossibile non provare una particolare sensazione di disagio e smarrimento durante (e anche dopo) la visione dei film di…

DC FanDome: tutte le novità!

DC FanDome, l'atteso appuntamento per tutti i fan dell'universo DC, ha svelato diversi progetti e dato la possibilità di dare…
cristo compagnone

Politically Incorrect: la top 10 delle commedie più scorrette

E' solo una mia impressione o il mondo sta diventando più orrendo del solito? Se anche voi state raschiando il…
Tutti gli uomini del presidente

Storie vere al cinema: i migliori 5 film sul giornalismo

Oggi vi racconteremo di cinque casi giornalistici (realmente accaduti), che sono stati raccontati in altrettanti meravigliosi film. Opere, queste ultime,…

4.5

Brutto

Pro

  • Una visione senza pensieri è l'unico modo per goderselo.
  • Alcuni suggestivi panorami.

Contro

  • L'indecisione di fondo se essere un fantasy o un wuxiapian.
  • La scadente messa in scena.
  • Mulan è un personaggio caratterizzato nel modo meno carismatico possibile.
  • Orrenda la computer grafica.
  • Una colonna sonora impalpabile.