Malcolm & Marie
6,8/10

Malcolm & Marie

Regista

Sam Levinson

Genere

Drammatico

Cast

Zendaya, John David Washington

Sceneggiatore

Sam Levinson

Produttore

Sam Levinson, Zendaya, John David Washington

Durata

106 min

Offerte
Data di uscita

5 Febbraio 2021

Al termine della premiere del suo film, un regista e la sua fidanzata rientrano a casa. I due si ritroveranno ad affrontare le difficoltà del loro rapporto, messo a dura prova da una dimenticanza.

Malcolm & Marie è l’ultimo lavoro di Sam Levinson, creatore di Euphoria (qui la recensione all’ultimo speciale), con protagonisti Zendaya e John David Washington. Il film è stato realizzato interamente durante la pandemia.

Night changes

La vicenda si svolge lungo una serata, quando, al termine della prima del suo film, Malcolm torna con la fidanzata a casa. Lo spettatore percepisce subito che qualcosa non va: mentre Malcolm festeggia la sua bellissima serata, Marie è imbronciata, resta ferma a fumare mentre lui continua a girare per casa, monologando sulle possibili critiche che il suo film potrebbe ricevere.

Il motivo di questa rabbia di lei è presto detto: durante il discorso di ringraziamento, Malcolm ha dimenticato di nominare la sua fidanzata, nonostante lei stessa fosse stata la fonte di ispirazione per la trama del film, che racconta la storia di una ex tossicodipendente che cerca di ripulirsi. Ha così inizio una serie di litigi sempre più sfiancanti e logoranti, inframezzati da brevi momenti di passione dei due.

Un narcisismo delirante

Il grande merito di Malcolm & Marie è basarsi su una sceneggiatura che è in grado di creare due personaggi complessi, che gli attori protagonisti riescono a interpretare egregiamente. I due fidanzati passeranno la serata a sputarsi contro tutto il loro risentimento, tirando fuori vecchie ferite e immagini crude atte solo a ferire l’altro.

Malcolm è la quintessenza del narcisismo. Alle accuse di Marie, alla critica al suo film, reagisce dilungandosi in monologhi pedanti. Le continue citazioni a grandi film del passato, i riferimenti a temi attuali come il razzismo, il valore della critica cinematografica: tutti elementi che Sam Levinson tocca superficialmente, creando un’immagine di Malcolm estremamente piena di sè.

Diverso è il discorso per Marie. Il suo personaggio è più approfondito, meno borioso. La fotografia in bianco e nero, la scelta dei primi piani: tutto contribuisce a mettere in luce Zendaya (a volte anche eccessivamente, per quanto riguarda alcune inquadrature sul suo corpo). Per lo spettatore è facile empatizzare con lei.

Malcolm & Marie

Tira e molla

Allo spettatore non resta che osservare la lite morbosa tra due persone che continuano a litigare e a tornare indietro. L’intero film si basa sulla bravura degli attori e sulla sceneggiatura, ma non presenta uno sviluppo vero e proprio. Mette in mostra una relazione malsana, che porta a chiedersi se effettivamente cambierà qualcosa. I litigi continuano a essere ripresi, i brevi momenti di pace (che si pongono sempre sul piano sessuale) non hanno mai continuità. Non a caso le ultime battute del film sono in realtà un monologo di Marie.

Il finale lascia così perplessi, ci si chiede se avvenga un cambiamento effettivo tra i due o se si è assistito al termine di una relazione che i due, in cuor loro, sembrano aver capito essere giunta alla fine.

Malcolm & Marie

Conclusione

Malcolm & Marie si presenta sicuramente come un prodotto valido, in particolar modo per le incredibili interpretazioni dei due protagonisti. La sceneggiatura si rivela efficace per la scrittura dei personaggi, mentre è più fiacca per quanto riguarda altri argomenti. Le riflessioni sulla critica cinematografica, il razzismo, risultano trattati in maniera superficiale e rendono il prodotto a tratti pedante, discostando l’attenzione degli spettatori. La composizione delle inquadrature è particolarmente efficace e ricercata. Malcolm & Marie sembra a volte essere più un esercizio di stile: ciò nonostante, resta godibile e soprattutto reale, e offre sicuramente degli spunti di riflessione per chi, al contrario di Malcolm, è capace di ascoltare.

Recensione di: Giacinto Francesco Alba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Braindrain intervista al regista Vittorio Beomonte Zobel

Noi di CineWriting abbiamo incontrato il regista Vittorio Beomonte Zobel per parlare del suo lavoro più recente: BrainDrain. BrainDrain è…

Il “fenomeno Shrek”: perché l’orco della DreamWorks domina la pop culture

Da pochi giorni è iniziata su Italia 1 una maratona di Shrek in occasione del 20° anniversario del primo film.…
oldboy

Oldboy: il walzer del tempo perduto di Park Chan-wook

Alcuni film sono fatti per durare: superano le barriere del tempo e divengono immortali. Uno di questi è sicuramente Oldboy,…
clint eastwood

SPECIALE CLINT EASTWOOD: BUON COMPLEANNO!

In principio fu proprio lo stesso Clint Eastwood nel leggendario "Il buono, il brutto, il cattivo" a dire che il…
autoerotismo

Festeggiamo l’autoerotismo con 5 iconiche scene

Cari cinefili, lo sapevate che maggio è il mese dell’autoerotismo? Sul finire degli anni '90, per protestare contro un sistema…

7

Buono

Pro

  • La bravura dei due attori protagonisti
  • La ricercatezza dell'immagine
  • L'umanità e la complessità dei due personaggi

Contro

  • I monologhi pedanti di Malcolm
  • Alcuni temi trattati in maniera superficiale e quasi arrogante