7.8/10

Madre

Regista

Bong Joon-Ho

Genere

Drammatico

Cast

Kim Hye-Ja, Won Bin

Sceneggiatore

Park Eun-kyo, Bong Joon-ho

Produttore

Park Eun-kyo, Bong Joon-ho

Durata

128 min.

Offerte
Data di uscita

1 luglio 2021 (Italia) - 2009 (originale)

Una vedova alleva il suo unico figlio Do-joon che è la sua unica ragione d'essere. Il giovane è un po’semplice e talvolta agisce in modo così ingenuo da diventare pericoloso. Un giorno, una ragazza viene trovata morta e Do-joon viene accusato dell'omicidio. Per salvare suo figlio, la madre muove cielo e terra, ma l'incompetente avvocato che ha scelto fa poco per aiutarla e la polizia ha rapidamente chiuso il caso. Affidandosi solo al suo istinto materno, non fidandosi di nessuno, la madre stessa va alla ricerca dell'assassino, pronta a tutto per provare l'innocenza del figlio..

 

“Volevo fare un film che scavasse in profondità, in ciò che è caldo e potente, come il cuore di una palla di fuoco”

Bong Joon-Ho, parlando di Madre

 

Potremmo dire che Madre è lo step successivo in un’ipotetica carrellata di Bong Joon-Ho nell’esplorare la società. La pellicola mancante del regista arriva finalmente in Italia per merito di PFA Films, che ringrazio per l’anteprima in sala.

Dai condomini di Barking Dogs Never Bite, passando per le indagini-farsa di Memorie di un Assassino e la famiglia disfunzionale di The Host , ci troviamo stavolta con un focus rivolto principalmente su un volto, quello della bravissima Kim Hye-Ja. Un percorso che parte dall’esterno, e successivamente si avvita attorno alla sua protagonista. La storia di Madre ha un inizio semplice, da cui origina un’indagine individuale che procede con un ritmo in superficie pacato, ma che al suo interno vede agitarsi diversi tumulti.

 

Un labirinto firmato Bong Joon-Ho

Madre Bong Joon Ho Recensione Screenshot
Kim Hye-ja in un fotogramma del film.

 

La titolare Madre, priva di un nome proprio, è il fulcro di tutto il film. Il mondo non ruota attorno a lei, anzi, cercherà di ostacolarla, di dimenticare in fretta il caso in cui è stato coinvolto suo figlio, ma la protagonista lotterà con tutte le proprie forze per trovar giustizia.

Nel film, la camera la segue da lontano, dispersa in una distesa di grano, la inquadra di spalle mentre ricostruisce nella propria mente istanti decisivi, ne inquadra gli occhi stanchi, ma in nessun momento fermi. Quella a cui si assiste è una maratona di determinazione, un gioco dell’oca distorto in cui il dado sembra truccato, e ogni casella riporta all’inizio.

 

 

Le regole del gioco

Madre Bong Joon-Ho Recensione
Kim Hye-ja in un fotogramma del film.

 

E se le chance di vittoria sono puntate contro di lei, allora la Madre non può far altro che cambiare, adattarsi. Abbandonare lentamente piccoli pezzetti della propria anima lungo il percorso, donati per trovare un’energia che probabilmente non sapeva neanche di possedere. Gli altri pezzi sul tabellone sono personaggi che vanno e vengono, comprimari in grado di mostrare lati dell’umanità che non vorremmo vedere, quasi un esercito avverso, persino… pedine.

La Madre scava un lungo tunnel alla ricerca della verità, e anche quando il punto d’inizio è lontano e le stelle del cielo solo un ricordo, non può guardarsi indietro, o fermarsi. E noi siamo con lei in questa lunga galleria, incapaci di vedere cosa attende poco più avanti, sospinti con maestria da Bong Joon-Ho.

 

 

Commento Finale

Madre è, senza utilizzare mezzi termini, una delle stelle più luminose nella filmografia di Bong Joon-Ho. Come è consueto aspettarsi dallo stile eclettico del regista, alterna momenti di tenerezza, altri quasi farseschi, situazioni cupe e svolte senza ritorno, che lasciano attoniti. L’occhio concentrato sulla protagonista restituisce uno dei personaggi più profondi e drammatici del regista, che quasi ricalcando l’arte dell’agopuntura praticata dalla Madre, sa quali punti toccare con gentilezza o in cui affondare, per dar vita ad emozioni che restano anche dopo l’uscita dalla sala.

 

 

 

Recensione a cura di Marcello Cascio.

 

Per ulteriori recensioni e articoli, continuate ad esplorare CineWriting. Per approfondire il discorso sui registi sudcoreani, vi consiglio questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

mubi

MUBI: tutte le novità di settembre 2021

Ormai è ufficiale: l'estate è finita. Settembre sta per spalancare le sue porte: un nuovo anno, nuovi inizi, nuovi progetti…
estate 85

Film di una notte di mezza estate: una top 10

L'estate, la stagione del Sol Leone, ormai volge al termine, ahimè! E allora quale migliore scusa per stilare una bella…
mubi

Mubi: le novità in arrivo ad agosto 2021

Agosto è arrivato e Mubi, la piattaforma dedicata al cinema d'autore, propone nuovi titoli ricchi di fascino e in esclusiva.…
Harrison Ford

Speciale sotto la lente: Harrison Ford

Nonostante un inizio abbastanza tortuoso, Harrison Ford è riuscito a incantare il mondo intero sia per il suo stile unico e inconfondibile,…

Braindrain intervista al regista Vittorio Beomonte Zobel

Noi di CineWriting abbiamo incontrato il regista Vittorio Beomonte Zobel per parlare del suo lavoro più recente: BrainDrain. BrainDrain è…

8.5

Ottimo

Pro

  • Una regia attenta e ricca di dettagli.
  • Bong Joon-Ho trascina in un labirinto di emozioni oscure.

Contro

  • Lo scarso approfondimento dei personaggi secondari potrebbe risultare indigesto.