lockdown all'italiana
3/10

Lockdown all’italiana

Regista

Enrico Vanzina

Genere

Commedia

Cast

Ezio Greggio, Paola Minaccioni, Martina Stella, Ricky Memphis

Sceneggiatore

Enrico Vanzina, Paola Minaccioni

Produttore

Adriano De Micheli, Enrico Vanzina

Durata

94 minuti

Offerte
Data di uscita

15 ottobre 2020

Lockdown all'italiana, il film diretto da Enrico Vanzina, segue la storia di due coppie in crisi che sono procinto di lasciarsi ma che a causa del Lockdown, imposto per arrestare la diffusione del coronavirus, saranno invece costrette ad una convivenza forzata.

“Fa ridere, fa riflettere, e unisce tutte le generazioni. La butto lì: e se Ezio Greggio fosse il Tom Hanks italiano?”
Commento a caldo di S.G. post Lockdown all’italiana, 16/10/2020

Un’esperienza irripetibile

Depauperamento culturale, retorica contundente, magmatico. L’esperienza di Lockdown all’Italiana, ultimo film diretto da Enrico Vanzina, è in termini McLuhaniani una costante alterazione della dimensione sensoriale (e dell’intelligenza) dello spettatore. Parte con le premesse di un cinepanettone standard, per poi tentare di veicolare vacui messaggi di stampo socio-politici (come se a tratti il film fosse affetto da stati catatonici). Tutto ciò all’interno di un frame contornato dai più classici elementi stilistici ed estetici dei cinepanettoni. Dall’oggettificazione del corpo femminile, fino agli stereotipi razzisti, Vanzina non si fa scrupoli nel demolire con una certa estasi tutte le battaglie femministe e antirazziste protagoniste del 21esimo secolo. Il nome “Happy” associato al maggiordomo di etnia indiana, come se fosse un animale domestico, è la triste ciliegina razzista sulla torta.
Il risultato finale, senza troppi plot twist, è un film che punta a parlare alla pancia dello spettatore abituandolo alle più obsolete rappresentazioni mediali. 

lockdown all'italiana

Cos’è esattamente Lockdown all’italiana?

Un’osmosi confusionale che vorrebbe spingere il film in certi punti a veicolare dei messaggi sociali in nome di coloro che si sono ritrovati in difficoltà a causa del Covid. Da citazioni raffinate cinematografiche di Profumo di donna di Martin Brest fino ad arrivare a Anna Karenina di Tolstoj, oltre che da un’ampia selezione di barzellette divertenti solo per boomers (clip), Vanzina tenta di denuclearizzare la dimensione ansiogena generata dalla pandemia ancora in corso.

Il debole impianto simbolico (non è detto che ci sia) del film viene presentato da una regia anonima che accompagna svogliatamente lo spettatore attraverso inquadrature statiche e perlopiù fisse.  C’è comunque qualche pigro tentativo di “dinamicizzare” i conflitti narrati nel film (tutti riconducibili ovviamente alla sfera sessuale, l’eden dello spettatore medio italiano).
I movimenti di macchina traballanti uniti alla sceneggiatura (apparentemente scritta in tre quarti d’ora) fanno, inevitabilmente, sprofondare il film in un abisso apparentemente senza fondo. L’operatore stava forse inorridendo per le battute o tremava per la svolta drammatica intrapresa dalla sua carriera con questo film?

lockdown all'italiana
La mono espressività di Ricky Memphis sarà la vostra fedele compagna durante la fruizione del film

Era davvero necessario?

Tra le critiche che hanno fin da subito accompagnato il film rientra sicuramente il contesto temporale in cui è stato annunciato e rilasciato il film. Un contesto in cui non solo la pandemia non è ancora cessata, ma che ha dilaniato probabilmente per sempre numerosi nuclei familiari e categorie sociali deboli e ancora scarsamente rappresentate nel nostro paese (giovani, donne, stranieri), senza contare i numerosi morti.
Inappropriato mostrare quindi il personaggio di Ezio Greggio impegnato a cornificare ripetutamente la moglie, o anche figure femminili come quella di Paola Minaccioni impegnata a preoccuparsi solo del proprio fisico e della progettualità della sua dieta (non si menziona nemmeno un suo ipotetico lavoro).

lockdown all'italiana
L’emozionante monologo di Ezio Greggio sull’essere cazzari

Commento Finale

Tra tutte le questioni che l’ultima “fatica” di Vanzina lascia (come sarà il mondo post pandemia? Ezio Greggio ha davvero letto tutti quei libri di Màrquez? Ricky Memphis è davvero un attore o è la proiezione dei nostri più profondi e reconditi traumi infantili?), il film ci trasmette però una certezza.
Lockdown all’Italiana è una palestra, una continua ricerca lessicale per meglio descrivere e inquadrare l’esperienza trascendentale e mistica che la sua visione si presta a regalarci.
Ma è il film ad essere retrogrado, razzista, stereotipato, mal sceneggiato, mal diretto, o siamo noi spettatori ad essere rimasti indietro?

Recensione a cura di: Alessandro Vitale Lollo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

mostri

Speciale Halloween: Classifica dei Mostri Universal

Un costante e apparentemente infinito dualismo quello proposto dai classici film dell’orrore dello studio cinematografico Universal. Da un lato vediamo…

Spider-Man: Un nuovo universo e la rimediazione stilistica

The Tangled Web: La rimediazione stilistica nel film “Into the Spider-Verse” Introduzione Prima di dedicarci al film centrale di questo…

Ricordando Ennio Morricone: grazie maestro!

Ennio Morricone è riuscito a incantare il mondo intero, grazie al suo stile unico e poliedrico, lasciando un'eredità culturale senza…
darkacademia

I cinque film darkacademia che vi consigliamo di vedere

Negli ultimi tempi, una nuova app ha catalizzato l’attenzione del mondo social: Tik Tok, la piattaforma che permette di caricare…

Fellini degli Spiriti: ritratto pittoresco di un cineasta

Per tre soli giorni è stato proiettato nelle sale di tutta Italia un piccolo ma preziosissimo gioiello di storia del…

3

Terribile

Pro

  • C’è un emozionante tentativo di carrellata circolare verso metà film. Incredibile ma vero
  • La pronuncia del termine

Contro

  • Ricky Memphis
  • Si intravede una clip con Barbara D'Urso
  • Ricky Memphis
  • Non c’è un cameo del Gabibbo
  • Tutto il resto. Compreso Ricky Memphis