6,3/10

L’incredibile vita di Norman

Regista

Joseph Cedar

Genere

Commedia , Drammatico

Cast

Richard Gere, Lior Ashkenazi, Michael Sheen

Sceneggiatore

Joseph Cedar

Produttore

Blackbird, Cold Iron Pictures, Movie Plus productions

Durata

1h 58min

Offerte
Data di uscita

28 Settembre 2017

Se chiedi a Norman Opphennaimer quale sia il suo mestiere la risposta sarà “se le serve qualcosa io gliela trovo!”. Con una delle migliori interpretazioni di sempre, Richard Gere è Norman, un navigato affarista di New York alla disperata ricerca di attenzioni e amicizie che possano cambiargli la vita. La sua è una corsa continua a soddisfare i bisogni degli altri con la speranza di trovare un giorno rispetto e riconoscimento da sempre desiderati. Quando viene eletto Primo Ministro un uomo a cui anni prima Norman aveva fatto un favore, quel giorno che tanto aveva desiderato sembra finalmente arrivato. Ma sarà davvero come lo aveva immaginato? L’incredibile vita di Norman è una commedia intelligente e profonda sull’importanza delle relazioni e sul bisogno di contare col quale prima o poi tutti nella vita facciamo i conti.

L’incredibile vita di Norman: la nostra recensione in anteprima

Norman Locandina ufficiale

Nascita di un moderno Ebreo Cortigiano

Nella tradizione letteraria occidentale ricorre spesso la favola archetipica dell’Ebreo Cortigiano.
Essa narra in un ebreo che incontra un uomo destinato a ottenere un grande potere, ma lo incontra in un momento di crisi. L’ebreo gli fa un dono o un favore e diventa parte della sua corte quando quell’uomo diventa potente. Quando però l’ebreo diventa un peso viene abbandonato senza troppe remore. Questo tipo di storie viene narrato fin dai tempi della Bibbia, ma è possibile trovare vicende simili in “Il Mercante di Venezia” o in “Oliver Twist”.

Proprio da questa favola archetipica Joseph Cedar, regista israeliano, è partito per costruire il suo nuovo film. Ha trasformato l’ebreo cortigiano in quello che è più logico possa essere oggi: un piccolo faccendiere nella New York contemporanea. Nasce così Norman Oppenheimer, che porta lo stesso cognome di quel Suss L’ebreo orribilmente ritratto nel più tristemente famoso film di propaganda nazista

Un personaggio indimenticabile…

Richard Gere nei panni di Norman

Proprio intorno a questo complesso e bellissimo personaggio ruota tutto il film.

Norman Oppenheimer è un faccendiere che tenta di sopravvivere una New York caotica e indifferente. Non è un uomo di successo, non è ricco. Ma per sua stessa ammissione sa come restare a galla, con la testa fuori dall’acqua.
Norman è un rompiscatole, questo è innegabile. Tampina fino allo sfinimento i personaggi che è intenzionato ad aiutare in qualche modo. Aiutarli, anche contro la loro volontà e anche se all’apparenza non hanno neanche bisogno di aiuto. Si comporta come certi fastidiosi lavavetri che si trovano vicino ai semafori, solo che i suoi “clienti” sono personaggi ricchi e famosi. Li aiuta, o almeno ci prova, apparentemente nella speranza di ricavarne un giorno qualcosa. Eppure pare non ricavarne nulla. Di lui non sappiamo nulla, come nulla sanno di lui i suoi “clienti”. Cita spesso una moglie ormai morta e dei figli, ma non abbiamo idea se questi esistano sul serio. Viene lasciato intendere che la notte dorma in una sinagoga.

Tutti i Norman del mondo

Ma allora perchè Norman si comporta così? La risposta a questa domanda svela  la profonda, straordinaria umanità del personaggio.
Norman lo fa perchè è profondamente solo. Non vuole soldi o potere ma solo essere accettato in una certa società. Lo fa, cercando il più possibile di diventare indispensabile.

Norman è un buono. Non gli vediamo mai commettere un’azione che possiamo considerare malvagia, mai una volta in tutto il film. Lo capiamo subito che è destinato a una caduta, tanto che il sottotitolo originale del film recita “La moderata ascesa e la tragica caduta di un faccendiere newyorkese” sottotitolo andato perso nel brutto adattamento italiano. Norman è destinato a cadere perchè il mondo in cui si muove è troppo più grande ed egoista di lui. Perchè in fondo non è che uno dei tanti, piccoli faccendieri che popolano il mondo e di cui il Potere può sbarazzarsi senza troppi problemi una volta che hanno esaurito la loro funzione. Questo è il destino di tutti i Norman del mondo.

Frame tratto Norman

Un interprete eccezionale

Questo personaggio meraviglioso è interpretato in maniera magistrale da un Richard Gere in stato di grazia. Abbandonati completamente i panni del seduttore, Gere da vita ad un personaggio curvo, sempre infagottato in un cappotto pesante, con le orecchie a sventola e i dentoni. E riesce a rendere alla perfezione ogni sfumatura di questo tragicomico personaggio.
La sua performance merita sicuramente un premio importante.

Dunque questo film è ben scritto e assolutamente ben recitato? Sì

Dunque questo film è un film perfetto? No

Le dolenti note

Purtroppo va constatato come Joseph Cedar sia un ottimo sceneggiatore, ma anche un regista imperfetto

Il film è infatti inficiato da una regia che a volte diventa assolutamente esagerata assumendo toni surreali particolarmente fastidiosi. Un scena in particolare risulta interminabile, pacchiana e tediosa. Brutto anche l’espediente usato per far vedere contemporaneamente Norman e le persone a cui sta telefonando, una sorta di variante del classico split screen, per nulla piacevole da vedere.
Quanto basta per far calare il voto di almeno un punto, purtroppo.
Un vero peccato, perchè senza quelle esagerazioni il film sarebbe stato un piccolo capolavoro.

Ciò non toglie che sia consigliatissimo da vedere

Commento finale

L’incredibile vita di Norman è un bellissimo, piccolo film sull’importanza delle relazioni umane, sulla solitudine e sul Potere. Un film ben scritto e recitato, con una Richard Gere indimenticabile. Peccato per certe scelte di regia assolutamente inadeguate che ne inficiano la qualità generale

Vincenzo Ruscio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

mubi

Dicembre 2021: le novità in arrivo su MUBI

Il Natale è alle porte e con esso arrivano le novità su MUBI, la piattaforma preferita dai cinefili, con tanti…
mubi

MUBI: ecco tutte le novità di novembre

Halloween è già passato, ci stiamo addentrando nell'autunno. E MUBI, la piattaforma del cinema d'autore, non ci lascia soli neanche…
Asylum Fantastic Fest 2021

Asylum Fantastic Fest 2021: tutto pronto per la nuova edizione

Presentato in conferenza stampa il programma della nuova edizione dell'Asylum Fantastic Fest. Il tema scelto per l'edizione 2021, che torna…
tim burton

Speciale Halloween: Il geniale Tim Burton

Bizzarro, grottesco, persino mostruoso. Fin dall'inizio, il cinema di Tim Burton ha saputo distinguersi proprio per il suo appassionato elogio…

C’mon C’mon: genitori e figli, dubbi e responsabilità

Presentato alla Festa del Cinema di Roma, C'mon C'mon, il nuovo film di Mike Mills con protagonisti Joaquin Phoenix e…

7

Buono

Trivia

  • Richard Gere assolutamente superbo, in un ruolo inusuale per lui
  • Un protagonista complesso e ben costruito
  • Ottima sceneggiatura

Goofs

  • La regia a volte diventa eccessiva e fastidiosa