8,1/10

Doctor Who 10×01 “The Pilot”

Regista

Lawrence Gough

Genere

Cast

Peter Capaldi, Pearl Mackie, Matt Lucas

Sceneggiatore

Steven Moffat

Produttore

BBC

Durata

45 minuti

Offerte
Data di uscita

15 Aprile 2017

Doctor Who. Recensione pilot decima stagione.

Doctor Who

Mancava con una serie regolare dal 2015 ma alla fine, come sempre, è tornato.
Il nostro amato Signore del Tempo, il matto con la cabina blu, l’uomo con due cuori. E’ tornato e noi poveri Whovian possiamo finalmente godere di tutto quello che amiamo di lui e delle sue avventure.

E’ un Dottore che viene da un momento difficile, un Dottore che ha perso il più grande amore della sua oltremodo lunga vita e dalla cui memoria è stata forzatamente rimossa l’immagine di una persona cara.

Ora lo troviamo nelle vesti di professore universitario, affiancato dal fedele Nardole in versione androide (ma che meravigliosa spalla comica Matt Lucas) e completamente assorbito nella costruzione di un misterioso caveau, il cui contenuto sarà probabilmente il vero fil rouge di questa decima stagione.
In tutto questo, mostra un particolare interesse per una ragazza, inserviente della mensa universitaria, il cui passato è misteriosamente (per noi) legato al suo.

Doctor Who 10

Bill

Bill, appunto. Nera, lesbica, sagace e in grado di tenere testa al Dottore quasi quanto Donna Noble, sembra rappresentare un ritorno allo stile delle companion dell’era Russel Daveis, non bellissime come Amelia o Clara ma  sicuramente più credibili.

Proprio lei e il suo amore per una ragazza con uno strano occhio saranno il motore di questa nuova avventura. Inquietante ma anche commuovente (le foto sulla scrivania del Dottore sono un colpo al cuore) e divertente (gli scambi di battute fra il Dottore e Bill sono una delizia) con un Capaldi quasi al massimo del suo istrionismo e questa bella scoperta di nome Pearl Mackie, il cui “but they’re made of wood”, credo possa essere ascoltato in loop nei momenti di depressione.

Un’avventura che sembra gettare le basi di una grande stagione. Al temine della quale diremo addio a una delle più complesse e riflessive incarnazioni del nostro eroe.

“Doctor Who” insomma è tornato. E lo ha fatto al meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sorry, no post found.

9

Fantastico

Pro

Contro