Biggie I got a story to tell
7/10

Biggie: I got a story to tell

Regista

Emmett Malloy

Cast

Damion Butler, Sean Combs, Violetta Wallace

Sceneggiatore

Sam Sweet

Produttore

Emmett Malloy, Brendan Malloy

Durata

97 min

Offerte
Data di uscita

1 Marzo 2021

La storia di Christopher Wallace, divenuto famoso con il nome di Notorious B.I.G., raccontata attraverso materiali di repertorio mai visti prima e interviste alle persone più care.

Biggie: I got a story to tell è un documentario biografico uscito recentemente su Netflix. Si racconta la storia del rapper Notorious B.I.G., una delle figure più importanti del mondo hip hop, non solo statunitense ma a livello internazionale.

Seguendo una struttura classica di interviste inframezzate da materiale di repertorio mai visto finora, il film si concentra sull’adolescenza e la vita di Biggie fino alla sua ascesa a star.

Ritratto dell’artista da giovane

Se tanto si è detto di Notorious B.I.G. in relazione alla sua fine, alla sua storica rivalità con l’altro grande rapper americano Tupac, se ne parla poco in questo documentario. Biggie: I got a story to tell vuole infatti concentrarsi sul passato di Christopher, come solo la madre lo chiamava. Per questo scopo, proprio le interviste alla madre sono le più efficaci: non si nasconde dietro a falsi sentimentalismi, mostra bene il rapporto conflittuale avuto col figlio. A ciò si aggiungono gli interventi degli amici più stretti di Notorious B.I.G., che ne evidenziano il grande talento precoce.

Il regista Emmett Malloy decide quindi di fornire un ritratto della New York degli anni ’80, la vita di strada, il problema della criminalità e della droga che affliggeva i quartieri difficili della Grande Mela. Si permette così di conoscere meglio l’uomo prima dell’artista, passando dalla sua esperienza con lo spaccio al consacrarsi definitivamente alla musica. Si segue quel mito tutto americano del self-made man, seppur senza quella vena di romanticismo che spesso influenza queste storie, permettendo così di goderne di più.

notorious big

Un ritmo discontinuo

Biggie: I got a story to tell si concentra così sull’influenza dei parenti e delle origini giamaicane di Biggie sulla sua musica, mette in evidenza il suo dono con le rime, la spinta dei suoi amici per registrare e abbandonare lo spaccio. In questo, il documentario fa un ottimo lavoro.

Riprendendo la ripartizione in tre atti, i primi due, relativi appunto alla sua adolescenza e all’avvio della sua carriera musicale, funzionano bene. Il terzo atto  risulta invece più frettoloso. La faida con Tupac viene accennata negli ultimi 15 minuti, trattata superficialmente. La sua morte, avvenuta in seguito a una sparatoria nel marzo del 1997, è raccontata attraverso le parole della nonna e conclusa quasi immediatamente con una didascalia finale, che ricorda come sia ancora un mistero irrisolto.

notorious big e tupac
Notorious B.I.G. e Tupac

Conclusione

Dalle stalle alle stelle, dall’angolo di Fulton Street ai concerti a Londra (“E pensavamo: Wow, ci conoscono fin qui” racconta un meravigliato Sean Combs, in arte Puff Daddy), fino alla Rock’n’roll Hall of Fame.  Biggie: I got a story to tell ci ricorda, fornendo un quadro così intimo del rapper, che proprio come cantava lui, Sky’s the limit. Il tutto senza inutili sentimentalismi triti e ritriti, ma con l’affetto e l’onestà di chi lo conosceva meglio. Sicuramente consigliato per i fan che vogliono approfondire di più la persona e non il personaggio.

Per altre recensioni di film e serie tv, continuate a seguirci su Cinewriting!

Recensione di Giacinto Francesco Alba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Russell crowe

Speciale Russell Crowe: Buon Compleanno Massimo!

Russell Crowe rientra sicuramente tra le personalità più intense e carismatiche della sua generazione. Un uomo che ha fatto della…
Robert Downey Jr.

Speciale Robert Downey Jr: Buon Compleanno Tony

Travolgente, carismatico e pieno di talento. Queste sono solo alcune delle qualità che rendono Robert Downey Jr una delle personalità più sensazionali…
Marlon Brando

Speciale sotto la lente: Marlon Brando

Oggi a sotto la lente vi proponiamo un vero e proprio interprete. Un esperto del mestiere che con il suo…

5 registi sudcoreani da scoprire se vi è piaciuto Parasite

Il cinema coreano oggi La ciclica riproposizione, in ambito occidentale, della nuova, innovativa e crepitante arte filmica orientale è divenuta…
letterboxd

Letterboxd: l’app per chi ama il cinema

Capita nella vita, prima o poi, di dover fare un po’ di ordine. Se siete degli irrefrenabili cinefili amanti del…

7

Buono

Pro

  • La volontà di concentrarsi sull'uomo prima dell'artista
  • La mancanza di moralismi

Contro

  • Il ritmo a tratti discontinuo