Il regista di “Mother!” è tornato a parlare del film di Batman che non è riuscito a realizzare.

Darren Aronofsky a ruota libera sul suo Batman mai realizzato.

Darren Aronosfky

Continua la campagna promozionale di “Mother!“, l’ultimo film di Darren Aronofsky, presentato all’ultima edizione del Festival di Venezia. Il regista, nel corso del tour promozionale, è tornato a parlare di Batman, della DC e del Joker. Infatti, Darren Aronofsky, molto tempo fa, era legato ad un progetto dedicato all’Uomo Pipistrello.

Dopo il flop di “Batman & Robin“, Joel Schumacher tentò di riottenere la fiducia degli studios proponendo un adattamento della storia “Batman: Anno uno” di Frank Miller. Nonostante il regista volesse fortemente dirigere la pellicola, lo studio di produzione gli preferì Darren Aronofsky, il quale propose in primis di basarsi su un altro fumetto sempre di Frank Miller, “Il ritorno del Cavaliere Oscuro“, e di girarlo a Tokyo. Sempre Aronofsky parlò di coinvolgere Clint Eastwood per interpretare l’uomo-pipistrello.

All’abbandono di Aronofsky, che declinò per dedicarsi al film indipendente “Requiem for a Dream“, la produzione venne arrestata fino al settembre 2000, quando Aronofsky firmò un contratto d’assunzione per la regia con la Warner Bros. A quel punto, il film rientrò ufficialmente in programmazione. I caratteri di Gotham avrebbero dovuto basarsi sulle ambientazioni dei film cult anni settanta quali “Taxi Driver“, “Il braccio violento della legge“, “Serpico” e “Il giustiziere della notte“.

Il copione di Aronofsky fu considerato troppo violento e venne scartato, dato che Warner Bros. era intenzionata a produrre un film per la famiglia. Il regista allora propose di girare due film basati su “Year OneUno per famiglie e uno con più azione e violenza. Ma gli studios rifiutarono ancora, perché i costi sarebbero stati eccessivi. Vennero allora contattati le sorelle Wachowski, che dovettero abbandonare per il franchise di “Matrix“. Arrivati a un punto critico, gli studi contattarono nuovamente Aronofsky, che però rifiutò di rientrare nel progetto.

Le nuove dichiarazioni di Aronofksy

Darren Aronofsky

Come detto sopra, il regista di “Mother!” è tornato a parlare dell’universo DC ed ha rivelato che alcuni elementi del progetto sulle origini del Joker ricordano le sue proposte per un potenziale lungometraggio dedicato a Batman che vennero rifiutate perché considerate troppo dark. Il cineasta si è espresso così:

Penso che fossimo, in pratica, quindici anni in anticipo perché dal modo in cui stanno parlando del film dedicato al Joker sembra esattamente il mio pitch.

Aronofsky ha anche parlato di alcuni elementi del suo lungometraggio su Batman:

Pensavo: gireremo nella zona est di Detroit e New York. Non costruiremo Gotham. La Batmobile volevo che fosse una Lincoln Continental con i motori di due autobus… attaccati con lo scotch, in pratica la versione di MacGyver del veicolo.

Oltretutto, ha aggiunto che alcuni elementi del suo film sono presenti anche in “Batman V Superman: Dawn Of Justice” di Zack Snyder:

Alcune delle mie idee sono arrivate in altri film, come l’anello con le iniziali BW, quello di Bruce Wayne che lascia la cicatrice, che è stata poi utilizzata nello script di Zack Snyder. Ed è giusto, scrivi quelle idee e poi escono fuori.

Darren Aronofsky ha, infine, concluso:

Volevamo reinventare la storia e renderla più viscerale in stile “Taxi Driver“. Quella era la nostra proposta, ma non ha ottenuto l’approvazione necessaria.

E voi cosa ne pensate delle dichiarazioni di Aronofsky?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.