Toronto International Film Festival: sei i titoli italiani selezionati

L’anteprima mondiale di Una questione privata dei fratelli Taviani, The Leisure Seeker di Virzì, i film di Pallaoro, Carpignano, Guadagnino e il corto di Adriano Valerio

Sono ben sei i titoli italiani invitati a partecipare al grande appuntamento Nord Americano, una delle punte di diamante del cinema del globo. A cominciare dall’anteprima mondiale di “Una questione privata” di Paolo e Vittorio Taviani, nella sezione Masters. Dal capolavoro postumo di Beppe Fenoglio, un film ispirato e poetico, che sembra attraversare tutte le coordinate del cinema dei due maestri. Dal concorso di Venezia arrivano titoli ugualmente interessanti. Nella sezione più prestigiosa del festival – ‘Galas’ – “The Leisure Seeker”, l’avventura americana di Paolo Virzì con Helen Mirren e Donald Sutherland, gloria nazionale canadese, e in ‘Contemporary World Cinema’ Hannah”, l’opera seconda di Andrea Pallaoro, sorretta dalla maschera continuamente allusiva ed esplosiva di Charlotte Rampling.

Toronto

 

“A Ciambra”, di Jonas Carpignano, presentato alla Quinzaine di Cannes, arriva a Toronto in ‘Contemporary World Cinema’ dopo essere stato una delle vere sorprese della Croisette, con ottimi risultati di critica e mercato, a conferma della vocazione internazionale di questo giovane autore.
In ‘Special Presentations’ verrà accolto “Call Me by Your Name” di Luca Guadagnino, già selezionato da Berlinale e Sundance, un altro autore italiano che sta sfondando i nostri confini. Infine il cortometraggio “Mon amour mon ami” di Adriano Valerio parteciperà nella sezione ‘Short Cuts’. Da menzionare anche il documentario di coproduzione italiana “Al di là dell’uno” di Anna Marziano (nella sezione ‘Wavelengths’).

Veterani e talenti, tradizione e nuovi mercati

Quella di una così nutrita presenza italiana in un festival come Toronto è qualcosa di più di una conferma. Da qualche anno film italiani partecipano, e sono premiati, dalle più importanti rassegne del mondo, che celebrano arte, ricerca, qualità. Toronto, oltre a questi titoli, si impone in rapporto anche a una quantità: di film, di pubblico, di mercato. È un festival che mette l’arte alla prova dell’industria.

Avere qui sei titoli, che raccontano di una produzione eclettica, varia per anagrafe – da due decani del cinema europeo come i Taviani a due opere seconde – capace di accogliere delle star nel set, oppure una famiglia Rom, di fare vera coproduzione creativa, e di parlare realmente a pubblici di passaporti diversi attraverso uno sguardo che resta autoriale, è forse il segno di una maturazione. Senz’altro, di un riconoscimento da parte di un festival che propone arte a una platea vasta. Insomma, il cinema come dovrebbe essere. Che sia italiano, è già un successo da cui proseguire un viaggio.
Ricordiamo che la presenza dei film italiani a Toronto è coordinata dall’area Filmitalia di Istituto Luce Cinecittà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.