Dopo ben 17 anni il progetto di “The Man Who Killed Don Quixote” è vicino alla fine.

The Man Who Killed Don Quixote” è, possiamo dirlo, il rigetto di una vita di Terry Gilliam. Regista nominato, lo ricordiamo, all’Oscar per la migliore sceneggiatura con “Brazil”.
Il nuovo film ha come protagonisti Adam Driver, Olga Kurylenko, Michael Palin e Jonathan Pryce. L’argomento è noto. Si tratta infatti del personaggio più celebre di tutta la letteratura spagnola. Il Don Chisciotte di Miguel de Cervantes, creato nel 1605.

The Man Who Killed Don Quixote

E’ lo stesso regista Terry Gilliam ad annunciare la notizia. Sul suo profilo Facebook infatti ha postato una foto del set, corredandola con la seguente sentita dichiarazione:

Scusate per il lungo silenzio. Sono stato molto impegnato a fare i bagagli. Ma adesso sto per tornare a casa mia. Dopo ben 17 anni abbiamo completato le riprese di “The Man Who Killed Don Quixote”. Muchas Gracias a tutta la squadra, e a tutti quelli che hanno sempre creduto in noi. Quixote vive!

Il regista è, comprensibilmente, molto fiero e soddisfatto della fine delle riprese.
Il film, lo ricordiamo, è ambientato nel presente. Quale, direte voi? Oggi o 17 anni fa? Bella domanda. Il lavoro infatti è frutto di un continuo lavoro di riscrittura. Anche per altro per adattare la storia agli attori.

The Man Who Killed Don Quixote

Riprese finite dunque. Ora manca solo la post-produzione. Ultimata questa, dovremmo vedere “The Man Who Killed Don Quixote” nelle sale per il 2018. Ricordiamo che il budget è stato di 17 milioni di dollari. Ricordiamo inoltre che gli attori protagonisti sono più e più volte cambiati, così come la trama stessa del film. Tra i nomi presi in considerazione infatti ci sono stati anche Ewan McGregor, Robert Duvall e John Hurt.

Dopo un’odissea del genere le aspettative non possono che essere alle stelle. Speriamo di vedere presto il frutto di questo lavoro pluridecennale, e che questo sia all’altezza di quello che noi tutti ci aspettiamo.

[adsense][adsense]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.