Dopo le ultime uscite sulle piattaforme Netflix e Amazon Prime (se vi foste persi le ultime novità, potete recuperarle qui e qui), ecco i film in arrivo a giugno su Mubi, piattaforma streaming dedicata al cinema d’autore e indipendente. Un mese estremamente ricco, dall’esordio Shiva Baby al documentario su Elio Petri, fino alla rassegna sul maestro del cinema giapponese Yasujirō Ozu.

Pride Month: 120 Battiti al Minuto | 5 giugno

Giugno è il Pride Month e anche Mubi festeggia questa importantissima ricorrenza. Tra le novità proposte, spicca il film Robin Campillo vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria a Cannes 2017. 120 battiti al minuto ci porta nella Parigi anni ‘90, dove il collettivo Act Up-Paris cerca di portare consapevolezza per eliminare lo stigma sociale che circonda l’AIDS. Basato su esperienze personali del regista, è un film vitale come la musica che gli dà il titolo e che ci accompagna anche nella colonna sonora.

Elio Petri: Appunti su un autore | 6 giugno

elio petri

Questo documentario del 2005, diretto da Federico Bacci, Nicola Guarneri e Stefano Leone, ripercorre la carriera cinematografica di Elio Petri attraverso interviste sia ai suoi collaboratori che all’artista stesso. Un titolo imperdibile per gli amanti dell’età d’oro del cinema italiano.

Debutti: Shiva Baby | 11 giugno

shiva baby

Film del 2020, Shiva Baby è una caustica commedia degli equivoci ambientata durante una giornata di shiva, la riunione ebraica di amici e familiari durante un periodo di lutto. Protagonista è una ragazza bisessuale alle prese con la tradizione ebraica e il suo innato bisogno di indipendenza. Uno dei film più sorprendenti del Toronto International Film Festival e del South by Southwest dello scorso anno, nonché debutto della scrittrice-regista Emma Seligman. Straordinaria la performance dell’attrice emergente Rachel Sennott. Un film audace e sfacciato, esilarante e indimenticabile.

Spotlight: L’età giovane | 20 giugno

l'età giovane

Jean-Pierre e Luc Dardenne continuano la loro affascinante serie di character study con L’Età Giovane (2019), Prix de la mise en scène a Cannes 2019. Ambientato in Belgio, terra natale dei registi, il film ci presenta Ahmed, un giovane ragazzo musulmano che, dopo essere stato radicalizzato dall’imam della sua comunità, trama l’omicidio di un’insegnante. Il ritratto che ne fanno i registi va oltre la premessa e ci restituisce un racconto empatico in perfetta linea con il loro realismo socialmente impegnato. Sempre giugno ci sarà in programmazione anche Due Giorni, Una Notte, film del 2014 con Marion Cotillard.

Pioniere: documentari femministi

delphine seyrig
Una scena di Be Pretty and Shut Up!

Una serie di documentari che esplorano l’attivismo femminista dell’attrice Delphine Seyrig e della regista Carole Roussopoulos.

Delphine and Carole – 10 giugno
Be Pretty and Shut Up! – 21 giugno
S.C.U.M. Manifesto 1967 – 21 giugno
Just Don’t Fuck – 21 giugno
Le F.H.A.R. – 21 giugno

Focus: Stephen Cone

the wise kids
Una scena di The Wise Kids

Un focus su Stephen Cone, cineasta che prosegue la tradizione del cinema indipendente americano con i suoi film di formazione affascinanti e intimi.

The Wise Kids – 12 giugno
Henry Gamble’s Birthday Party– 20 giugno
Princess Cyd – 27 giugno

Riflettori puntati: Kiarostami

Abbas Kiarostami non ha bisogno di presentazioni. Il regista, nella sua lunga e proficua carriera, è stato parte della Nouvelle Vague iraniana e uno degli artisti del suo paese più conosciuti al mondo. Merito della sua poliedricità e dello stile poetico che contraddistingue i suoi lavori.

Dov’è la casa del mio amico? – 4 Giugno
Sotto gli ulivi – 12 Giugno
Il Sapore della Ciliegia – 19 Giugno
Il Vento ci porterà – 26 Giugno

I fantasmi tra di noi: Christian Petzold

Undine
Una scena di Undine (2020) di Christian Petzold

Lo avevamo già conosciuto su Cinewriting con il film Undine – Un amore per sempre, ma Christian Petzold è ormai un veterano del grande schermo. A giugno sarà possibile recuperare su Mubi alcuni dei suoi maggiori capolavori.

Yella – 1 giugno  

Ostwärts – 8 giugno   

La scelta di Barbara – 15 giugno

Il segreto del suo volto – 22 giugno

Das Warme Geld – 29 giugno

Focus: Ruben Östlund

Il regista svedese Ruben Östlund è una delle più interessanti voci del cinema nord-europeo. La sua carriera, iniziata nei primi anni 2000, si costruisce su una varietà nella forma (tra cortometraggi, documentari e film di fiction), ma su una continuità stilistica, quel senso dell’umorismo tragico che traspira nella maggior parte dei suoi lavori. A giugno presentiamo Involuntary (2008) e The Square (2017), il suo primo film in lingua inglese e Palma d’Oro a Cannes 2017, che trasuda un senso dell’assurdo e ci offre un ritratto spietato del mondo dell’arte contemporanea.

The Square – 17 giugno
Involuntary – 25Giugno

Racconti del Tatami: Yasujiro Ozu

Continua anche per giugno la rassegna sul maestro del cinema giapponese Yasujirō Ozu. Altri quattro capolavori che esplorano le relazioni familiari nella loro evoluzione, fra tradizione e spinta verso il futuro.

Fiori D’Equinozio – 7 Giugno
Buon Giorno – 13 Giugno
Tardo Autunno – 21 Giugno
Il Gusto del Sakè – 27 Giugno

Altri film in arrivo

Kala Azar di Janis Rafa – 2 giugno

I Was at Home, But… di Angela Schanelec – 3 giugno

Letters Home di Chantal Akerman – 6 giugno

Lemebel di Joanna Reposi – 7 giugno

Rien ne va plus – Il gioco è fatto di Claude Chabrol – 8 giugno   

Where To? di Georges Nasser – 9 giugno

Correspondence di Carla Simón, Dominga Sotomayor Castillo – 14 giugno

Due Giorni, Una Notte dei fratelli Dardenne – 16 Giugno

One in a Thousand di Clarisa Navas – 18 giugno

Circumstantial Pleasures di Lewis Klahr – 23 giugno

The Female Closet di Barbara Hammer – 24 giugno

Lover Other di Barbara Hammer – 24 giugno

La nobildonna e il duca di Éric Rohmer – 28 giugno

White on white di Théo Court – 30 giugno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.