Risultato immagine per written and directed by quentin tarantino 1920x1080

Fin dal suo folgorante esordio Quentin Tarantino è riuscito a incantare il mondo intero sia con il suo stile unico e inconfondibile, che con la sua profonda e spiccata conoscenza dei generi cinematografici. Considerato da alcuni come un vero e proprio accumulatore di citazioni, il regista si è dimostrato in più occasioni un sapiente ibridatore di generi e di forme della cultura di massa, tanto da diventare in brevissimo tempo uno dei registi più influenti della sua generazione.

Written and directed by

Quentin Tarantino

Il cinema tarantiniano può essere visto come un pianeta totalmente a sé stante, capace di esaltare sia il cinefilo più incallito che lo spettatore più casuale. Una delle componenti che rendono infatti così memorabili le sue pellicole, oltre ai dialoghi graffianti, è la loro singolare rappresentazione della violenza, che però non è mai fine a sé stessa, ma è ironica, sarcastica e a tratti parodistica; capace di restituire pienamente il contesto su cui si muovono i personaggi. Insomma, un vero autore che ha saputo dare origine ad alcune delle scene cult più memorabili dell’attuale immaginario cinematografico popolare. Il 27 Marzo è il suo compleanno e noi di Cinewriting vogliamo festeggiarlo ricordandovi alcuni dei suoi film. Una raccolta di 4 titoli che hanno l’incorreggibile autore dietro la macchina da presa.


Tanti auguri Quentin!

14 Quentin Tarantino HD Wallpapers | Background Images - Wallpaper Abyss

Quello che tento sempre di fare è di usare le strutture che vedo nei romanzi e applicarle al cinema. Per un romanziere non è un problema cominciare una storia dalla metà. Ho pensato che, se si riuscisse a concepire un sistema cinematografico analogo, sarebbe molto eccitante.

Quentin Tarantino

Numero 4: Jackie Brown

Jackie Brown HD Wallpaper | Sfondo | 1920x1080 | ID:804991 - Wallpaper Abyss

Probabilmente l’opera meno violenta del regista; Jackie Brown racconta la storia di un’hostess di volo che per guadagnare di più, contrabbanda denaro per un noto mercante d’armi. Un giorno però la donna verrà arrestata, trovandosi così davanti ad un’ardua scelta: collaborare, fare il doppio gioco oppure pensare a sé stessa. Qui Tarantino costruisce la suspense con grande finezza, giocando meravigliosamente con le aspettative del pubblico. Senza rivelare alcuna informazione precisa sulle intenzioni dei personaggi, il regista lascia lo spettatore, tutt’altro che onnisciente, alla totale mercé del racconto filmico. Jackie Brown è un titolo molto sottovalutato nella filmografia di questo autore; ma è un film di grande rilievo nella sua formazione poiché grazie a quest’opera, Tarantino poté dimostrare una notevole maturità e innovazione, soprattutto nello sviluppare i personaggi in maniera più intima rispetto alla prima fase del suo percorso. Inoltre, sacrificando un po’ di quell’eccesso che l’aveva contraddistinto, la pellicola guadagna un’atmosfera più realistica.

Numero 3: Grindhouse – A prova di morte

Grindhouse - A Prova Di Morte HD Wallpaper | Sfondo | 1920x1080 | ID:205854  - Wallpaper Abyss

Attraverso il mix di vari generi come lo slasher e il road movie, Tarantino dà vita ad una pellicola di straordinario impatto, che fa di una folle ma sapiente irregolarità il suo cavallo di battaglia. In origine Grindhouse doveva essere un film unico, composto dai titoli A prova di morte (diretto da Tarantino) e Planet Terror diretto invece da R. Rodiguez; la produzione preferì però farli uscire separatamente, diversificando molto i due prodotti.

L’episodio di Tarantino è probabilmente il più interessante dei due, senza contare il fatto che può vantare al suo interno una magnifica prova attoriale dell’infallibile Kurt Russell. La vicenda è incentrata sulla figura di Stuntman Mike, un uomo estremamente disturbato che va a caccia di donne con la sua micidiale auto. A dargli parecchi problemi però ci penseranno quattro donne, anch’esse stuntwomen.
Volete sapere una curiosità? Con il termine Grindhouse si faceva riferimento alle sale cinematografiche statunitensi di terza categoria, famose proprio perché proiettavano due film per volta; sempre di serie B e di pessima qualità. Il film è disponibile su Amazon Prime.

Numero 2: Le iene

Reservoir Dogs wallpapers HD for desktop backgrounds

In seguito ad una rapina finita male, i membri di una banda iniziano a sospettare l’uno dell’altro poiché sembra che qualcuno all’interno abbia fatto il doppio gioco. Supportato brillantemente da un cast a dir poco incredibile, Quentin Tarantino fa con Le iene il suo debutto sul grande schermo, realizzando un vero e proprio manifesto del proprio modo di fare cinema. Il film ha infatti ognuna di quelle singolari caratteristiche che lo hanno contraddistinto così bene nel tempo: il gusto per la violenza, i dialoghi graffianti e geniali, la cura del dettaglio, ma soprattutto l’innata capacità di rielaborare con aria fresca e originale pellicole, generi o addirittura stili del passato. Già soltanto con il brillante incipit iniziale, dove presenta abilmente i caratteri dei suoi personaggi, Quentin Tarantino crea il cinema lavorando da dentro il cinema e lo fa attraversando e frantumando il genere dal suo interno. Il risultato non può essere altro che un film cinico, realistico e totalmente privo di qualsiasi romanticismo o slancio eroico. Il titolo è disponibile su Netflix: da vedere assolutamente.

Numero 1: Pulp Fiction

Pulp Fiction”: i 25 anni di un capolavoro rivoluzionario - Mar dei Sargassi

Prendendo spunto dalla narrativa criminale dei pulp magazines, Quentin Tarantino dà vita con assoluto vigore ad uno dei suoi traguardi più prestigiosi. La pellicola con il tempo è infatti diventata un autentico cult movie che oltre ad aver incantato milioni di spettatori, ha reinventato brillantemente il genere cui appartiene, dimostrando che la fusione di stili appartenenti alle categorie minori di intrattenimento può essere un processo assolutamente geniale e innovativo. La vena parodistica e ambigua che caratterizza la pellicola accresce ulteriormente l’atmosfera, rendendo le tradizionali “situazioni tarantiniane”, intrise di violenza, prove dell’abilità di Quentin nel campo della scrittura.

Pulp Fiction emerge dal mio amore per il filone criminale, i polizieschi, il noir. Volevo però mostrare la quotidiana banalità della violenza, che quel filone ignorava. In genere in quei film vedi uno che spara, quello che muore, taglio sulla scena seguente. In Pulp Fiction restiamo invece a vedere come i personaggi reagiscono di fronte alle conseguenze dei loro atti. C’è un crescendo di tensione, ma poi non te vai via, rimani lì.

Quentin Tarantino

Perché non leggere altri speciali? Clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.