I 3 cortometraggi più originali in programma finora al Trieste Science + Fiction Festival

Se siete amanti della fantascienza, allora non potete perdervi il più importante festival nazionale dedicato alla sci-fi, il Trieste Science + Fiction Festival! Se non lo state già seguendo e avete intenzione di accreditarvi, sappiate che quest’anno il festival (in versione online) è stato prolungato di un giorno. Si andrà avanti fino al 4 novembre con incontri, proiezioni, esclusive ed anteprime.

Trieste
La scritta che compare pochi secondi prima dell’inizio dei film

Tra le proposte di quest’anno sono presenti numerosi cortometraggi da tutto il mondo. Ecco i più interessanti finora!

3. CARGO (2019)

Diretto da Abhilash Chandra, questo cortometraggio di 16 minuti arriva dalla Malesia. Racconta la storia di un ragazzino che, assieme a suo padre, si imbatte in una forza oscura e misteriosa nella piantagione di olio di palma di un cliente del padre. Quella che doveva essere una normale giornata lavorativa, diventa invece un’avventura inquietante dove padre e figlio dovranno imparare a fare squadra e superare le reciproche diffidenze, per riuscire a scappare dalla terribile minaccia.

Cargo

2. CONSUME (2020)

Questo cortometraggio di 14 minuti arriva dall’Argentina e il regista è Bruno Gradaschi. In questo film distopico ogni lavoratore è un numero e ciascuno di loro deve portare a termine dei compiti bizzarri per guadagnare punti in quello che sembra un videogioco. Completamente dimentichi del linguaggio umano, questi personaggi si esprimono solo a versi. Il loro obiettivo nel completare le varie task è quello di ottenere una vita migliore. 079 è il nostro protagonista, che suo malgrado fallisce quasi sempre nei compiti che gli vengono assegnati. Ha però un’idea: rubare il punteggio che non riesce ad ottenere al suo rivale e vicino di tana. L’idea è interessante e le scenografie sono molto curate, ricorda un po’ per il soggetto qualche episodio di Black Mirror.

CONSUME

1. THE PURPLE IRIS (2020)

Il film arriva dagli Stati Uniti ed è diretto da Arif Khan, già realizzatore del cortometraggio The Silent Scream (2017). Racconta in 8 minuti la vicenda di una migrante del futuro col sogno di ottenere una vita migliore nel Nuovo Mondo. Tutto sta andando per il meglio quando, a causa della sua rarissima iride viola, la donna viene notata da un medico che dovrebbe garantirle l’accesso alla sua nuova vita. La questione è delicata: o la ragazza dona il suo incredibile occhio alla dottoressa, che ne è ossessionata, oppure non potrà lasciare il vecchio mondo da cui vuole scappare. Attraversare i confini pare sarà molto pericoloso anche nel futuro.

THE PURPLE IRIS

Un giorno bonus e raggi fotonici al Trieste Science + Fiction Festival!

I giorni e gli appuntamenti di questo festival sono ancora tanti, anche perché è stato aggiunto un giorno in più! Se avete voglia di accreditarvi, qui vi lascio il link al sito ufficiale dove comprare l’abbonamento. La versione basic costa 9,90 euro e dà accesso a tutti i film (raggi fotonici inclusi)! Qui trovate l’elenco dei film del festival, quelli ancora disponibili per la visione e altri in programmazione nei prossimi giorni e qui trovate le informazioni relative al programma del giorno bonus 4 novembre!

Il Trieste Science + Fiction Festival 2020 è su MyMovies

In questi giorni strani e spesso pesanti è bello sapere che nonostante tutto iniziative salutari come i festival riescono ad andare avanti, riformulandosi e trasformandosi, certo, spostandosi online, ma comunque credendoci. Se avete voglia di staccare la spina o di vedere mondi nuovi, il Trieste Science+Fiction Festival può fare al caso vostro.

Clicca qui per visitare la nostra home page!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.