Roger Deakins: conosciamo il direttore della fotografia (finalmente) premio Oscar!

Ne avrete sicuramente sentito parlare in questi giorni: Roger Deakins ha vinto il premio Oscar per la miglior fotografia durante l’edizione del 2018 con il film “Blade Runner 2049”… si tratta della sua prima vittoria dopo 14 candidature! 
Ripercorriamo in questo articolo alcune tappe della sua carriera per festeggiare!

Un po’ di biografia…

Roger Deakins è nato a Torquay in Inghilterra nel 1949.  
Appassionato di pittura, studia graphic design e poi cinema alla  National Film and Television School.
Inizia la sua carriera nel mondo del documentari realizzando un documentario fotografico sulla sua città e lavorando come cameraman e assistente di produzione (“Welcome to Britain”, “Before Hindsight” “Around the World with Ridgeway”). In quegli anni partecipa anche alla realizzazione di  video musicali (‘Blue Suede Shoes” di Carl Perkins) e alle riprese di concerti dal vivo “Van Morrison in Ireland” (1981).

Per diversi anni si dedica principalmente ai cortometraggi fino a quando, nel 1984, è direttore della fotografia del lungomettaggio “1984”.

La sua prima candidatura all’Oscar arriva nel 1995 con “The Shawshank Redemption” (“Le ali della libertà“).

La sua carriera è costellata da collaborazioni con alcuni importanti registi in particolare con i fratelli Coen, Sam Mendes e Denis Villeneuve.

Orwell 1984 (1984)


Film britannico del 1984, diretto da Michael Radford, adattamento del celebre romanzo di Orwell. Ambientazioni cupe, distopiche, che trasmettono abilmente l’essenza del romanzo.

Syd and Nancy (1986)


Diretto da Alex Cox dedicato alla vita di Sid Vicious, bassista dei Sex Pistols, e della sua compagna Nancy Spungen.

Barton Fink e l’inizio della collaborazione con i fratelli Coen

Le carriere di Deakins e dei fratelli Coen si intrecciano nel 1991 con il film “Barton Fink – È successo a Hollywood” e da allora sono quasi inseparabili: raramente non è stato il direttore della fotografia dei loro film.

Deakins viene candidato all’Oscar la seconda volta proprio per uno dei più acclamati film dei Coen: “Fargo”.

Nel 1997 tornano al lavorare insieme al cult “Il grande Lebowski”, poi in “Fratello dove sei?” e “L’uomo che non c’era” fino al più recente “Ave Cesare!”, in un prossimo articolo vi parlerò nel dettaglio del loro fortunato sodalizio.

Kundun (1998)

“Kundun” è un film del 1997 diretto da Martin Scorsese, tratto dal libro autobiografico del Dalai Lama Tezin Gyats “ La libertà nell’esilio”.
Deakins, che aveva esperienza nel mondo del documentario, è stato perfetto nel curare la fotografia di questo film.

A Beautiful Mind (2001)

Un altro fim biografico, questa volta diretto da Ron Howard, si tratta di “A beautiful mind” basato sull alla vita del matematico John Forbes Nash jr.

The Village (2004)

L’uso dei colori è uno dei punti di forza questo thriller diretto da  M. Night Shyamalan

.

2008: L’anno della doppia nomination


Anno da record: nel 2008 Deakins è stato il primo direttore della fotografia ad ottenere una doppia nomination ai premi Oscar. Sia per la fotografia di “L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford” (diretto da Andrew Dominik) che per “Non è un paese per vecchi” 
un altro film di successo diretto dai fratelli Coen.
Tuttavia ad aggiudicarsi il premio quell’anno è stato Robert Elswit per “ Il petroliere”.

Un frame di “L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford”

e uno di “Non è un paese per vecchi”

Deakins e  Sam Mendes: Jarhead, Revolutionary Road e Skyfall


Il regista di “American Beauty” e Roger Deakins hanno lavorato insieme per il film di Guerra “Jarhead”, il dramma “Revolutionary Road” e per uno dei capitoli della serie di 007, “Skyfall”.

Sam Mendes e Roger Deakins sul set di “Skyfall”
“Jarhead”
“Revolutionary Road”
“Skyfall”

Ordine dell’Impero Britannico 


Nel 2013 è il primo direttore della fotografia a ricevere l’ Ordine dell’Impero Britannico “Per i servizi al cinema”

Deakins e  Denis Villeneuve: Prisoners, Sicario e Blade Runner 2049

Denis Villeneuve e Roger Deakins

Elegantissima e cupa la fotografia di “Prisoners” candidata sia al premio Oscar che al Critics’ Choice Movie Award.

Deakins torna a lavorare con Villeneuve nel 2016, per il film “Sicario”. Primo di una “trilogia” ideata e scritta da Taylor Sheridan che tratta il tema moderna frontiera americana. È seguito dai film “Hell or High Water”( David Mackenzie)  e “Wind River”(Taylor Sheridan).


Anche in questo caso non mancano le candidature: non solo al premio Oscar ma anche al BAFTA, al Satellite Award , al Critics’ Choice Movie Awards …

Arriviamo al 2017, a “Blade Runner 2049”:

Sequel del cult di fantascienza “Blade Runner”, diretto nel 1982 da Ridley Scott. Per la fotografia di “Blade Runner 2049”  finalmente Roger Deakins ha vinto il suo primo Oscar.

Le silhouette

Una tra le più amate caratteristiche della fotografia di Deakins sono probabilmente  significative e suggestive silhouette dei personaggi, presenti quasi in ogni film

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.