Quanto basta

Regista

Francesco Falaschi

cast

Vinicio Marchioni, Luigi Fedele, Valeria Solarino, Alessandro Haber, Nicola Siri, Gianfranco Gallo

sceneggiatore

Filippo Bologna, Ugo Chiti, Francesco Falaschi, Federico Sperindei

produttore

Notorius Pictures, Verdeoro, TC Filmes, Gullane

durata

92 minuti

Offerte
Data di uscita

5 Aprile 2018

Dopo essere uscito di galera a causa di un'aggressione, ad Arturo (Vinicio Marchioni) viene affidato il compito d'insegnare cucina a dei ragazzi affetti dalla sindrome di Asperger. L'uomo si accorge immediatamente del talento di Guido (Luigi Fedele), ragazzo originale ed ambizioso, il quale riesce ad entrare in un importante concorso culinario. Sotto l'influenza di Anna (Valeria Solarino), assistente sociale che conosce molto bene Guido, Arturo accetta di fare da tutor al giovane ed i due partono per la prestigiosa trasferta Toscana.

Quanto basta. Redenzione e riscatto a colpi di cucina e non solo

Il giovane pieno di speranze e l’uomo disincantato. E poi il viaggio, la cucina, il concorso, il riscatto… “Quanto basta” esce in un periodo di tremenda competizione al box office, si sarà giocato bene le sue carte? Scopriamo insieme l’esito della quarta regia di Francesco Falaschi.

La cucina come attrazione audiovisiva

Anche i film piccoli hanno il loro interesse, il loro peso. Ogni film ci parla del presente, esprime e rappresenta la cultura che lo ha partorito e che, forse, lo giustifica. “Quanto basta” ha almeno un gigantesco elemento che, tra 20/30 anni, testimonierà la sua appartenenza al corrente periodo storico, ovvero la cucina. Lo sappiamo tutti quanto e in che maniera il cibo italiano ci rappresenti agli occhi del mondo e di noi stessi. Tanto nella pratica quotidiana quanto nel consumo audiovisivo degli ultimi 10 anni. Non faremo certo qui l’infinita lista di programmi di cucina di successo e non che occupano ancora oggi i nostri schermi, ma alcuni tratti hanno evidentemente influenzato la pellicola a partire dalla fase di scrittura.

quanto basta

Abbiamo il cuoco che smatta (Vinicio Marchioni/Gordon Ramsay), il rivale sosia/parodia di Cracco (il buon Nicola Siri), il vecchio maestro, il giovane talento da educare e, soprattutto, il concorso. Che si tratti di sensibilità del palato o di preparare piatti dovendo usare tutti gli ingredienti indicati, le prove che Guido deve superare sono ben radicate nel nostro immaginario. Le conosciamo, abbiamo determinate attese. E soprattutto siamo abituati a vederle in un altro medium, quello televisivo.  Dunque con un altro linguaggio e ritmo.

Uno dei punti deboli di “Quanto basta” è infatti il non aver enfatizzato in chiave cinematografica le prove, i piatti, le abilità dei cuochi. Ok, le prerogative erano altre (ne parleremo nel paragrafo successivo). Ma rinunciare ad un enfatizzazione degli odori, delle superfici, dei sapori è un errore che potrebbe disorientare lo spettatore? Temiamo di sì, dal momento che buona parte delle immagini che vediamo mostrano persone che cucinano senza però restituire un punto di vista caratteristico su ciò che stanno facendo. Così come non si fa un film sportivo senza cavalcare la specificità cinematografica (che sia di natura visiva o sonora) di quella disciplina, non si fa un film di cucina senza farci venire voglia di mangiare. Ed in alcuni casi i piatti neanche si vedono bene…

Falliti e diversi

Se il concorso di cucina è incapace di generare appetito, è tuttavia in grado di farci tifare per i personaggi. “Quanto basta” è un fiume in piena ed, in appena 90 minuti, propone un caleidoscopio di situazioni molto interessanti. Fantastica è la caratterizzazione quasi da film noir della vita solitaria di Arturo. Alcol, prostitute, passeggiate notturne ed il definitivo contatto con un ambiente marcio che però rappresenta la sua unica possibilità di sopravvivenza economica. Un personaggio disperato per la virile solidità di un attore come Vinicio Marchioni. Dannazione da una parte, redenzione dall’altra. Valeria Solarino (sempre più fragile volto cinematografico della dolcezza) e Luigi Fedele rappresentano appunto il riscatto umano di Arturo.

quanto basta

Laddove è un po’ superficiale il lavoro sull’erotizzazione del cibo, il team di “Quanto basta” c’entra invece il bersaglio sull’altro grande tema che è quello dell‘incontro tra diversi. Parliamo della sindrome di Asperger, quindi di un personaggio affetto da un particolare disturbo del comportamento. “Rain Man” non può che essere l’eterno punto di riferimento per questo genere di storie, seppur con le diversità del caso ed anche parodizzato in una battuta iniziale. Il film avvicina i due maschi tramite l’emergere di esperienze paterne simili, instaurando un rapporto padre-figlio o allievo-maestro molto credibile. Molto belli sono i discorsi sul mondo femminile, le scene di guida ed altri momenti di efficace intimità.

Commento finale:

Il film ha cuore, attori che trasmettono affetto e passione per ciò che raccontano. Le umanità in gioco si divorano, cinematograficamente parlando, i piccoli piaceri dello spettatore relativi a paesaggi o specialità culinarie, ma poco male. La concorrenza è davvero tosta ma ci auguriamo che “Quanto basta” riesca a ritagliarsi il suo spazio al botteghino.

Recensione di: Lorenzo Re

Rispondi

SVANKMAJER – Il PAPA’ DI TIM BURTON

Svankmajer. L'arte e il Cinema. Quando pensiamo a Tim Burton pensiamo tutti al dark, alle sue atmosfere cupe che tuttavia…
Indiana Jones

Indiana Jones e l’Ultima Crociata – Santo Graal, i padri, James Bond e… James Bond!

In occasione dell'uscita di "Ready Player One", Ettore Dalla Zanna ha voluto onorare la figura di Steven Spielberg, con una…
Indiana Jones

Indiana Jones e il Tempio Maledetto – Cervelli di scimmia, pezzi di cuore, Kali e James Bond

In occasione dell'uscita di "Ready Player One", Ettore Dalla Zanna ha voluto onorare la figura di Steven Spielberg, con una…
Indiana Jones

Indiana Jones e i Predatori dell’Arca Perduta – Fruste, cappelli, serpenti e James Bond

In occasione dell'uscita di "Ready Player One", Ettore Dalla Zanna ha voluto onorare la figura di Steven Spielberg, con una…
Il Giustiziere della Notte

Il Giustiziere della Notte (1974) – Nel cuore nero degli uomini

Nelle ultime settimane, è uscito il remake diretto da Eli Roth con protagonista Bruce Willis, è giusto andare a recuperare…

6.5

Okay

Pro

  • Cast più che azzeccato
  • Sceneggiatura colma di spunti e situazioni interessanti
  • Buon approccio ad un argomento delicato come la diversità

contro

  • Non viene mai voglia di mangiare i piatti che vediamo nel film
Vai alla barra degli strumenti