7,4

La fratellanza

Regista

Ric Roman Waugh

Genere

Crime , Thriller

cast

Nikolaj Coster-Waldau, Lake Bell, Jon Bernthal, Jeffrey Donovan

sceneggiatore

Ric Roman Waugh

produttore

Bold Films, DirecTV, Participant Media, Relativity Media

durata

121 minuti

Offerte
Data di uscita

7 Settembre 2017

La fratellanza. La sopravvivenza ha un costo molto caro nel crime thriller d’inizio settembre

La fratellanza

Trama

Jacob (Nikolaj Coster-Waldau) è un affermato uomo d’affari di successo che conduce una vita perfetta. Una notte esce a cena con la bella moglie Kate (Lake Bell) ed il suo migliore amico Tom (Max Greenfield) e si rimette al volante ubriaco, provocando un grave incidente. Tom perde la vita e il buon padre di famiglia è condannato a due anni di carcere per omicidio stradale colposo.

La fratellanza

In prigione si trova costretto a sottostare alle rigide gerarchie e si guadagna il rispetto dei potenti compiendo lavori sporchi per loro conto. Jacob diventa così “Money”, un temibile e aggressivo gangster a stretto contatto con la Fratellanza Ariana tenuto sotto torchio dall’agente Kutcher (Omari Hardwick) e lo sceriffo Sanchez (Benjamin Bratt). Scontata la pena il boss lo obbliga a uno scambio illegale di armi da fuoco, la vera resa dei conti del tormentato protagonista.

Come rendere noiosi i gangster che amiamo

Ric Roman Waugh ha molto a cuore “La fratellanza” (altro scivolone dei nostri cari titolisti). Un regista fissato con la criminalità a tal punto da lavorare come agente volontario in California per due anni. Voleva comprendere meglio la condizione degli uomini che devono fare i conti con la durezza e la corruzione delle prigioni americane. Cresciuto a pane e Scorsese, scrive e dirige una fiacca ma interessante storia di sopravvivenza, di marcio riscatto e di tradimento.

la fratellanza

Ed ovviamente sa che il pubblico giovanile ama le prigioni. I prison movie, o se vogliamo i crime thriller, giocano su ambienti, temi e situazioni che noi ci aspettiamo di vedere. Uno dei pochi motivi d’interesse de “La fratellanza” è la sua ambizione, il voler contenere tutto ciò per cui le storie di questi pazzi e fragili uomini ci appassionano sempre (o quasi). Sembra idealmente di bere un “succo” di Cinema, un prodotto che più sulla qualità punta sulla quantità. E la quantità non è poca, in virtù della delirante lunghezza del film: abbiamo un certo gusto noir nel racconto e nelle atmosfere, il riconoscibile dualismo dell’antieroe, una somiglianza tra la condizione dei poliziotti e quella dei criminali, la metamorfosi del protagonista… e si potrebbe continuare.

La fratellanza

Tutto insomma sa di già visto, di rivisitazione e anche di mancanza di fantasia. Ma tutto ciò il regista lo aveva evidentemente calcolato: la natura pretestuosa del progetto si prova dunque a raggirare grazie ad interpretazioni forti, mutamenti fisici notevoli e puntando sull’autenticità dei drammi narrati. Il dolce e sognante (ed anche un po’ scemotto) Jacob diventa lo spigoloso e schivo “Money”, con un’evoluzione corporea dell’attore che riesce a farsi apprezzare. La narrazione che intreccia passato e presente è invece di altalenante efficacia… un paio di fiammate e poi pura meccanica. Come meccanica ed artificiale è tutta la condizione interiore e fisica del nostro protagonista, che insegue inutilmente il dualismo di “A History of Violence” e i tormenti claustrofobici de “Il profeta”.

Commento finale

La fratellanza” è un film di cui è anche antipatico o inutile parlarne troppo male. E’ un crime movie molto classico, non detestabile ma niente che il sottoscritto ritenga imperdibile. Propone un immaginario mitico ma senza rendere giustizia alle personalità ed alle storie che mette in scena. Non è un disastro, ma si fa veramente fatica a definirlo “un buon film”.

Lorenzo Re

Rispondi

Il fantastico e geniale mondo di Wes Anderson

Manca solo un mese all'uscita statunitense di Isle of Dogs: conosciamo meglio il regista Wes Anderson Partiamo innanzitutto col dire…

“Mademoiselle”, ultimo film di Park Chan-Wook, arriverà nelle sale italiane!

Mademoiselle, elegante thriller firmato Park Chan-Wook, sarà finalmente distribuito in sala da Altre Storie. Acquisito da Altre Storie Srl, Film…

DECODER – GUARDA, ASCOLTA, OBBEDISCI

 LA FAME CHIMICO-VOYEURISTICA DEL CONSUMATORE ALIENATO   Prima di cominciare voglio dire solo una cosa, DECODER é una figata pazzesca.…
Martin McDonagh

Speciale Martin McDonagh: un irlandese alla conquista di Hollywood

Conosciamo, Martin McDonagh, il regista del film “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” candidato a sette premi Oscar Negli ultimi giorni…
The Post

The Post: Combattere per la verità

Esce oggi nelle sale italiane il primo film di Steven Spielberg che vedremo in questo 2018. Ecco il punto di…

6

Okay

Pro

    contro

      Vai alla barra degli strumenti