6.0

Figlia mia

Regista

Laura Bispuri

Genere

Drammatico

cast

Alba Rohrwacher, Valeria Golino, Sara Casu

sceneggiatore

Laura Bispuri, Francesca Minieri

produttore

Vivo Film, Colorado Film, Rai Cinema

durata

100 minuti

Offerte
Data di uscita

22 Febbraio 2018

Vittoria è una bambina che vive nella Sardegna dei giorni nostri. Ha una madre molto affettuosa di nome Tina, la quale cova un segreto: Vittoria è in realtà figlia della sfortunata Angelica, sempre a rischio di sfratto per la gioia di Tina. Ma Angelica e Vittoria cominciano ad avvicinarsi...

Figlia mia. La seconda opera di Laura Bispuri, in concorso all’ultimo festival di Berlino

Laura Bispuri è un’artista da preservare. La regista romana classe 1977, al suo secondo lungometraggio, si ripresenta a Berlino dopo quel particolare esordio che fu “Vergine giurata”. Struttura narrativa a flashback, macchina rigorosamente tenuta in spalla ed un certo lavoro di mascolinizzazione del delicato corpo di Hana/Mark (Alba Rohrwacher) sono stati i postulati stilistici apprezzati dalla critica. Meno entusiasmi, forse, per la scrittura. Sbrigativa? Senza particolari guizzi? Evidenti conflitti del corpo che non trovano un corrispettivo altrettanto personale nelle dinamiche drammaturgiche? Affascinante di sicuro. E giudizi sospesi per la new entry del cinema italiano (ma più sì che no).

Portare ai festival “che contano” sempre più opere firmate dalle nostre donne è importante. Lo dicono i concorsi stessi: Hansen-Love, Enyedi, Pintillie proprio a Berlino negli ultimi 3 anni hanno prevalso in sede di palmarès su affermati e lanciatissimi maschietti. E la Bispuri, come abbiamo già accennato, non passò inosservata nel 2015. Ora, apparentemente, è sceso il gelo. Indifferenza o giudizi docilmente negativi. Nessuno, almeno per ora, ha preso particolarmente a cuore la sua ultima fatica. E bersagliato nemmeno. Dov’è andata a parare con “Figlia mia”? Uscito nelle nostre sale in parallelo alla competizione tedesca (non c’è andata bene neanche stavolta), il film ha fatto molto meno rumore rispetto al primo colpo. Miopia o pellicola effettivamente priva di mordente?

Desiderio materno/ Radici rurali

Tina (Valeria Golino) è la Madre. Compra lo zucchero filato alla figlia Vittoria, la osserva dormire, la lava, la porta al mare, la porta in chiesa a suonare l’organo… Una figlia non sua (come ne “Il ragazzo invisibile”) e questo lo capiamo subito. Vittoria, (s)oggetto del desiderio purtroppo scritto maluccio ed interpretato non molto meglio, vede una strana donna fare cose altrettanto “strane”, forse sconce, ad una fiera. La sintonia, inutile dirlo, scatta immediatamente. E il successivo incontro, incomprensibilmente agevolato da Tina, rafforza la curiosità della piccola per Angelica (Alba Rohrwacher). L’avete già capito? Tra le due donne in passato c’è stato un accordo di questo tipo: mia figlia diventa tua figlia perchè tu vuoi una figlia ed io non posso permettermi una figlia. Ma saranno cazzi.

figlia mia

E’ tutto troppo semplice e codificato. Tra una Sardegna fantasma (nel paesaggio quanto nelle protagoniste) ed una bambina purtroppo presente in tante scene, la Bispuri esaspera e dilata un racconto molto risicato. La fotografia pastosa ed accesissima di Radovic non è particolarmente interessante, così come il binomio desiderio materno/istintività selvaggia non appassiona mai. La Golino non può che essere credibile per questo genere di ruolo, soprattutto in questa fase della sua carriera. La fisicità ed il talento non la tradiscono. Meno convincente è la Rohrwacher nei panni di questa donna continuamente sedata dall’alcol ed in connessione solo col mondo animale. Tra queste due disperate rimbalza quella scheggia impazzita che è Vittoria, ma purtroppo non rimbalza mai nel cervello dello spettatore. “Figlia mia” commette il terribile errore di non farci mai comprendere il reale punto di vista di una delle tre parti chiamate in causa.

Maschio dove sei?

figlia mia

In un film di disperate, un po’ di colpa deve avercela anche il maschio. Le regole del cinema d’autore commercial-festivaliero impongono esattamente ciò che accade, o meglio che si vede, nel film. I maschi cadono da cavallo durante il rodeo (non sono più forti!), sono macchie minacciose che si muovo nel fuori fuoco, stanno nei bar al neon affamati di sesso, chiedono addirittura indietro i propri soldi (ma lo fa Udo Kier, quindi non ha ragione). Padri falliti, padri assenti… e così via. Clamorosamente banale, o meglio codificata, è la scelta “poetica” della Bispuri. Laddove “Vergine giurata” proponeva un meticciato culturale ed emotivo tra i due sessi, qui ricade nella regola, nella maniera. E tutto ciò produrrà anche delle svolte narrative altrettanto telefonate.

Commento finale:

“Figlia mia” è un brutto film. Codificato, prevedibile, di quella finta autorialità che porta in sala il curioso borghese ma che non porta in sala gli amici meno curiosi del borghese. I pugni nello stomaco non esistono, la Sardegna non c’è e l’Italia nemmeno. Un film, con grande rammarico di chi scrive, sbagliato dall’inizio alla fine.

Recensione di Lorenzo Re

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nove film che vi strapperanno il cuore

Nove film intollerabilmente tristi scelti per voi "La vita è bella forse solo per Benigni, perchè la vita si sa,…

Primo footage di Bumblebee: promette bene!

Un primo sguardo all' atteso Bumblebee in anteprima Presso il Lucca Comics & Games 2018, la mattina di sabato 3…

Netflix and Kill – Zodiac

Zodiac. Un killer tra lettere e misteri. Tra il 1968 e il 1969, la California settentrionale fu sconvolta da delitti…
Stan Lee

Stan Lee e la forza dell’immaginazione

L'omaggio a Stan Lee, il fautore del grande successo della Marvel, la Casa delle Idee. "Supereroi con superproblemi" Un uomo.…
Halloween

Halloween (1978): La nascita del Mito di Michael Myers

In occasione del quarantesimo anniversario del capolavoro di John Carpenter, ecco lo speciale dedicato al film a cura di Ettore…

4

Brutto

Pro

  • Non ci sono sbavature tecniche

contro

  • Sceneggiatura banale e già vista
  • Attrici non particolarmente in parte
  • Idea di maternità anticonformista che non appassiona e non aggiunge nulla al dibattito culturale
Vai alla barra degli strumenti