8.5

DEADPOOL 2

Regista

David Leicht

cast

Ryan Reynolds, Josh Brolin, Morena Baccarin, Zazie Beetz, Brad Pitt, Bill Skarsgard, Julian Dennison

sceneggiatore

Rhett Reese, Paul Wernick e Ryan Reynolds

produttore

Simon Kinberg, Ryan Reynolds, Lauren Shuler Donner

durata

119 min.

Offerte
Data di uscita

16/05/2018

Mr. Deadpool è tornato! In questo film il mercenario chiacchierone cercherà di proteggere un ragazzino "speciale" dalle grinfie di un orfanotrofio che maltratta i mutanti. A complicare le cose ci pensa un soldato proveniente dal futuro...Cable! Intenzionato più che mai a trovare il ragazzino per motivi ignoti. Deadpool affronterà tale prova mettendo su una squadra di supereroi alternativi...gli X-Force! Ce la farà Deadpool a sventare le varie minacce? Lo scoprirete andando al cinema!

Deadpool 2. Il ritorno del mercenario chiacchierone.

“Deadpool 2” è un film del 2018 diretto da David Leitch. Il nostro “eroe”, ricordiamolo, è un personaggio dei fumetti facente parte dell’universo Marvel, creato da Fabian Nicieza (testi) e Rob Liefeld (disegni) nel lontano 1991.

Non solo battute!

Uno dei pregi di questo film è sicuramente la quantità e la qualità delle battute! Non è mai facile riuscire a intrattenere il pubblico con gag frizzanti, irriverenti e divertenti, ma ci sono riusciti alla stragrande! E’ divertente sentire non solo le battute, ma anche le citazioni ai vari fumetti, film, attori e le frecciatine ai film “dark” della Distinta Concorrenza. Come accadeva anche nel film precedente Deadpool interagisce spesso con il pubblico perchè sà di essere un personaggio di fantasia. In Deadpool 2, però, oltre alle battute, viene dato il giusto spazio anche alle parti più serie e riflessive, basti pensare al rapporto tra Wade Wilson (Ryan Reynolds) e la sua ragazza Vanessa (Morena Baccarin) che vorrebbero mettere su famiglia.

Da un grande potere…

Da un grande potere derivano grandi responsabilità…giusto per rimanere in tema Marvel. Deadpool, nel corso della storia, dovrà affrontare una sfida impegnativa, che non è tanto quella di combattere nemici, piuttosto, proteggere le persone a cui vuole bene. Tra queste c’è anche un ragazzino mutante di nome Russell Collins/Firefist (Julian Dennison) che viene costantemente maltrattato/torturato nell’orfanotrofio in cui vive. Russell è un ragazzino con problemi di autostima causati dalla sua insicurezza e solitudine, inoltre, sta affrontando un periodo di cambiamenti, quella fase che prima o poi tocca a tutti. Russell ha per le mani un potere che non riesce a gestire bene e avrebbe bisogno di un mentore/amico che gli indichi il cammino. Le cose non saranno tanto semplici per Deadpool perchè ogni nostra azione ha delle conseguenze sulle persone che ci sono vicine.

Thanos o Cable? Tutti e due!

Josh Brolin ci ha regalato due performance strepitose! L’abbiamo apprezzato, nemmeno un mese fa, per l’interpretazione di Thanos in “Avengers: Infinity War” e ora nei panni di Cable! Si ma, chi è Cable? E’ un soldato cyborg proveniente da un futuro distopico e la sua missione primaria è quella di individuare Russell Collins, il ragazzino di cui abbiamo parlato poc’anzi, per ragioni sconosciute. Cable per certi aspetti è simile a Thanos, ovvero un villain ambiguo, dal passato tragico e che quindi agisce secondo concetti che reputa giusti. Anche in questo caso, come per Thanos, un maggior approfondimento non avrebbe guastato! In ogni caso complimenti a Josh Brolin che sembra essere nato per interpretare i “villain”.

La sceneggiatura è un po’ deboluccia…

Dopo aver parlato di quelli che sono i pregi del film è venuto il momento di toccare le note dolenti. Come dice Deadpool, nel trailer, la sceneggiatura del film è un po’ debole. La trama ricorda molto quella di “Terminator” e “X-Men: giorni di un futuro passato” e in certi punti è davvero prevedibile. Molte storyline vengono aperte e poi mollate senza chiarimenti, molti personaggi vengono trattati in maniera superficiale e sono parecchie le cose che non tornano, soprattutto il funzionamento dei viaggi temporali di Cable e il ruolo degli X-Men nella vicenda. Va bene che questo è un film che non si vuole prendere sul serio, ma quelli elencati poco fa sono proprio delle mancanze, quindi errori.

Commento finale:

Deadpool 2 è un film scorrevole e divertente. Ha dalla sua un ritmo narrativo incalzante grazie al giusto dosaggio di scene action e scene riflessive. Il personaggio di Wade Wilson viene approfondito maggiormente dal capitolo precedente. Interessante è anche il rapporto d’amicizia tra Deadpool e Russell. Come dicevamo la sceneggiatura del film è, per citare lo stesso Deadpool, un po’ deboluccia. Anche dal punto di vista tecnico il film non offre nulla di nuovo o esaltante con una C.G.I. di dubbia qualità. In sintesi, Deadpool, difetti a parte, è comunque un buon film d’intrattenimento che non annoia e che fa divertire lo spettatore.

Recensione di: Giuseppe Fazio.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Construction Simulator 2 US: la recensione

Viva l'edilizia con Construction Simulator 2 US! Abbiamo recentemente parlato di questo titolo, quando Astragon ha annunciato la sua disponibilità per…
John Wayne Gacy

Netflix and Kill – John Wayne Gacy

John Wayne Gacy. Il truce mito del Clown assassino. Immaginate un rispettabile cittadino americano, benvoluto da tutti, membro di spicco…

Il Cinema sotto l’ombrellone

Il Cinema e la spiaggia: una carrellata. La spiaggia è uno degli emblemi del periodo estivo, ma per i cinefili…

McBetter: il primo lungometraggio di Mattia De Pascali

Con McBetter Mattia De Pascali scrive e dirige una storia moderna ispirata alla brama di potere di Macbeth. Sullo schermo…

Grood: la recensione

Heavy metal e robot: ecco Grood. Qualche giorno fa, in ufficio, un collega mi dice: "Alla Milano Nerd (per saperne…

7

Buono

Pro

  • Buon ritmo narrativo
  • Battute divertenti
  • Buona scrittura per quel che riguarda Deadpool e Russell

contro

  • CGI non impeccabile
  • Trama piuttosto banale e prevedibile
  • Cable meritava più spazio
Vai alla barra degli strumenti