Chiamami col tuo nome

8,3

Chiamami col tuo nome

Regista

Luca Guadagnino

Genere

Romantico

cast

Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg

sceneggiatore

James Ivory

produttore

Sony Pictures Classics

durata

124 min.

Offerte
Data di uscita

25 Gennaio 2018

Estate 1983, tra le province di Brescia e Bergamo, Elio Perlman, un diciassettene italoamericano di origine ebraica, vive con i genitori nella loro villa del XVII secolo. Un giorno li raggiunge Oliver, uno studente ventiquattrenne che sta lavorando al dottorato con il padre di Elio, docente universitario. Elio viene immediatamente attratto da questa presenza che si trasformerà in un rapporto che cambierà profondamente la vita del ragazzo.

Chiamami col tuo nome. Ultimo atto della “trilogia del desiderio”

A due anni dall’uscita di “A bigger splash”, thriller psicologico ambientato a Pantelleria con un cast in gran parte anglofono, Luca Guadagnino torna al cinema. E lo fa con una pellicola per certi aspetti molto simile alla precedente, con cui costituisce un’ideale “trilogia del desiderio”, iniziata con “Io sono l’amore” (2009). Siamo sempre in Italia (“Somewhere in northern Italy” come indica la didascalia che accompagna la prima scena); ad interpretare i due protagonisti del film troviamo ancora una volta attori americani: Armie Hammer (già apprezzato in “The Social Network”, “The Lone Ranger”, “Mine”) si affianca a Timothée Chalamet, attore rivelazione di questo inizio 2018, che il prossimo 4 marzo si contenderà l’oscar con teste di serie quali Gary Oldman e Daniel Day-Lewis.

Una Screwball Comedy moderna

Chiamami Col Tuo Nome
Nell’estate del 1983 il 17enne Elio, talentuoso musicista dai molteplici interessi, incontra Oliver, 24enne americano. Egli, per i suoi studi accademici, si accinge a trascorrere un’estate di ricerca in Italia, soggiornando presso la casa di villeggiatura dei genitori di Elio. Tra i due la diffidenza iniziale è palpabile e straniante; l’uno immerso nelle sue trascrizioni musicali e nelle svariate letture estive, l’altro sempre sfuggente e apparentemente distratto dalle compagnie femminili che la sua estate italiana ha da offrirgli.

La trasformazione della loro relazione, in un climax ascendente di tensione emotiva, passa, in maniera totalmente naturale, attraverso i gesti più semplici e quotidiani; le gite fuori porta e i momenti di convivialità collettiva, all’inizio sentiti quasi come un’imposizione per i due e occasione di schermaglie costanti, cedono gradualmente il passo ad una curiosità reciproca che diventa affetto, necessità dell’altro, finché i due si arrendono alla passione.

La forza prorompente della natura

Nello sviluppo del loro rapporto la natura gioca un ruolo fondamentale; i loro scambi più significativi avvengono all’esterno, immersi in vasti prati dal verde sgargiante, all’ombra di rigogliose chiome o tra una nuotata e l’altra nel fiume poco distante da casa. Si ha la sensazione che il magnetismo che li attrae l’uno all’altro sia guidato da una forza più grande di loro. E magari alimentato dall’ambiente che li circonda, che partecipa attivamente al loro gioco d’amore e seduzione.

L’impaccio iniziale di Elio nell’avvicinarsi ad Oliver e a manifestargli quello che sente è ulteriore prova della genuinità e della purezza del suo interesse; in quest’ottica, ogni minimo gesto, come un semplice abbraccio o uno sguardo prolungato, si carica di un’intensità disarmante e pregna di significato.

Dalle pagine allo schermo

Chiamami Col Tuo Nome

 

“Chiamami col tuo nome” è la (libera) trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di André Aciman, che possiamo riconoscere nel film in un breve cameo. Guadagnino, coadiuvato dal suo storico braccio destro Walter Fasano e dal talento di James Ivory, a cui si deve la sceneggiatura, ha apportato alcune personali modifiche. Mentre la vicenda originale è ambientata nel 1987, l’estate raccontata nel film è quella del 1983; anno cruciale per la politica italiana, segnata dall’avvento di Bettino Craxi e del pentapartito; il regista ha inoltre voluto eliminare l’espediente della narrazione come ricordo dal punto di vista di Elio, a favore di un maggiore coinvolgimento da parte dello spettatore, maggiormente facilitato all’immedesimazione.

Parola alla musica

Oltre ad una regia curata e poetica, impreziosita da inquadrature suggestive e mai scontate, a governare il ritmo del racconto è una colonna sonora variegata. E, ovviamente, a totale servizio della storia tra i due protagonisti. Assecondando la logica inclusiva alla base del film, “Hallelujah Junction” di John Adams, “Love my way” degli Psychedelic Furs e “Radio Varsavia” di Battiato (per citarne solo alcuni) trovano tutte il proprio posto, caricando la singola scena di ulteriori significati.

Una menzione speciale meritano i due brani originali composti e interpretati da Sufjan Stevens:”Visions of Gideon” e “Mistery of Love”, quest’ultimo candidato all’Oscar come miglior canzone.

Commento finale:

Ad uno spettatore distratto e un po’ prevenuto potrà sembrare l’ennesimo amore omosessuale approdato sul grande schermo. Ma quello raccontato in “Chiamami col tuo nome”, come confermato in più interviste dal regista, è la rappresentazione di un sentimento puro e libero tra due persone che si riconoscono anime simili; e che lo vivono in tutta la sua pienezza, senza la necessità di ricorrere a sovrastrutture o di ingabbiarlo nelle solite etichette di genere.

Recensione di: Elvira Di Nallo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Stan Lee

Stan Lee e la forza dell’immaginazione

L'omaggio a Stan Lee, il fautore del grande successo della Marvel, la Casa delle Idee. "Supereroi con superproblemi" Un uomo.…
Halloween

Halloween (1978): La nascita del Mito di Michael Myers

In occasione del quarantesimo anniversario del capolavoro di John Carpenter, ecco lo speciale dedicato al film a cura di Ettore…
Lady Gaga

A Star is Born: Un’ottima Lady Gaga tra calore e nebbiosità

"A Star is Born", l'esordio alla regia di Bradley Cooper con protagonista l'iconica Lady Gaga, è nelle sale italiane dall'11…
Locandina della XVIII edizione del ToHorror FilmFest

ToHorror FilmFest: Boar, Summer of 84, Is That You?

ToHorror Film Fest: Mini-recensioni di Boar, Summer of 84 e Is that You Un beast movie, un thriller di suspense…
Johnny English

Johnny English Colpisce Ancora: Un divertente sequel fuori tempo massimo

Il terzo capitolo della saga di Johnny English con protagonista Rowan Atkinson è nelle sale italiane dall'11 Ottobre. Ecco il…

10

Capolavoro

Pro

  • Discorso “illuminato e illuminante” di Mr. Perlman al figlio Elio, da considerarsi già scena cult della storia del cinema.
  • L'interpretazione magistrale di Timothée Chalamet.
  • Colonna sonora variegata, sia per stile che per intensità emotiva.
  • Sinergia tra dionisiaco (natura onnipresente) e apollineo (costanti richiami al mondo classico).

contro

  • Crea dipendenza.
Vai alla barra degli strumenti