Twin Peaks

9.1

Twin Peaks 03×15 “The Return, Part 15”

Regista

David Lynch

cast

Kyle MacLachlan, Sheryl Lee

sceneggiatore

David Lynch, Mark Frost

produttore

Showtime

durata

55 minuti

Offerte
€48.29
Data di uscita

20 Agosto 2017

L'odissea di Dale Cooper di ritorno a Twin Peaks.

Twin Peaks. Una delle più belle puntate della terza stagione è anche la più commovente.

La quindicesima parte di questa stagione di “Twin Peaks” è semplicemente eccezionale.

Twin Peaks

Ti lascerò scegliere

Già i primi dieci minuti sono sufficienti per far entrare questa parte nel firmamento delle puntate migliori della serie. Quanto è stata intensa questa quindicesima parte! Puntata emblema dell’intera stagione, la quale viaggia per tutti i cinquantacinque minuti lungo dei flussi. I flussi del bene e i flussi del male. Un mix di beatitudine, commozione ma anche inquietante e preoccupante.

Benevolo e molto tenero è sicuramente il siparietto iniziale tra Big Ed e Norma. Preso a sé, come cortometraggio romantico, è veramente meraviglioso.

Nadine che va dal marito e lo lascia dicendogli:

Ti lascio libero, ti amo e vederti felice è la cosa più giusta.

Ed corre da Norma, al Double R Diner. Ma forse è troppo tardi, forse Norma è stanca di promesse che vanno avanti da trenta e passa anni. Ma, in questa situazione, Norma cede le quote dei sette ristoranti RR, tenendosi solo l’originale di Twin Peaks: lo fa per stare accanto alla sua famiglia. E sotto gli occhi della sua amica Shelly, torna da Ed che le chiede di sposarlo.

Addio, Margaret!

Twin Peaks

L’altro momento benevolo, commovente e malinconico è sicuramente la morte della Signora Ceppo. Ritorna il metacinema, tanto discusso durante tutta questa serie di recensioni. Hawk riceve un’ennesima chiamata dalla signora Ceppo. Hawk viene a sapere che la Lanterman sta per morire e lo rivela al vicesceriffo. Ma la morte, anche se fa paura, è solo un cambiamento e non la fine di tutto.

Hawk saluta per sempre la signora Ceppo, e noi con lui. Margaret recita il suo ultimo atto, in una Twin Peaks nella quale ormai sempre più il confine tra finzione, realtà e metacinema ha smesso di esistere. La Coulson, dopo aver recitato queste scene, è morta, il 28 Settembre 2015. Così come si è spenta la Coulson, così si sono spente le luci della casa della Signora Ceppo ma la gloria di questo iconico personaggio l’ha resa eterna. Per sempre.

Jeffries come grande teiera

Twin Peaks

A questi momenti commoventi, si passano anche a momenti inquietanti. Uno di questi è sicuramente la visita di Bad Cooper a Phillip Jeffries, il personaggio dell’iconico David Bowie, ora trasformato come una grossa teiera. In questa sequenza, ricompare la scalinata interna intravista da Gordon Cole nella Zona e soprattutto ricompare il Jumping Man (con sovrapposto un volto che ricorda quello di Sarah Palmer).

L’incontro tra Bad Cooper e Jeffries è piuttosto interessante. Durante la conversazione, Cooper gli cita un episodio avvenuto nel 1989 (“Fuoco Cammina Con Me“), quando Jeffries apparve a Philadelphia citando Judy.
Ora, il Bad Cooper vuole sapere chi sia questa Judy e se tale persona vuole qualcosa da lui. Jeffries risponde che Bad Cooper ha già conosciuto Judy e che, se vuole, può fare in modo di far arrivare a lei le domande. Dal fumo della teiera fuoriescono dei numeri, che Cooper prontamente si appunta.

Conclude la sequenza l’incontro tra Bad Cooper e Richard Horne. Il ragazzo l’ha seguito perché l’ha riconosciuto: sa che è un agente dell’F.B.I. perché sua madre (Audrey) teneva una sua foto. Cooper disarma il ragazzo e lo invita sulla sua auto, dove potranno parlarne in tranquillità

Viale del Tramonto

Twin Peaks

Con molta probabilità ci saluta anche l’amato (almeno per me) Dougie Jones. Come pronosticato dal sottoscritto per tutta la settimana (Cooper nella terza parte era uscito tramite il portale numero 3 e questa era la quindicesima parte e l’unico portale rimasto nella terza parte era il 15), qualcosa avviene a Dougie/Cooper. Di nuovo a contatto con una presa, come accaduto con la terza parte.

Mentre Janey-E porta la torta a suo marito Dougie/Cooper, quest’ultimo accende il televisore. La tv trasmette Viale del Tramonto“. Film del 1950 dal quale David Lynch ha preso il nome del personaggio che interpreta in “Twin Peaks“, ovvero Gordon Cole. E a sentire proprio il nome Gordon Cole in tv, Dougie trasale. Guarda la presa elettrica sul muro e ci infila la forchetta, fulminandosi e facendo andare via la luce. Un’altra volta, Lynch si diverte a prendere in giro gli spettatori, tornando a fare il gioco del metacinema e di quel labile confronto tra realtà e finzione.

Commento Finale

La quindicesima parte di “Twin Peaks” è la perfetta rappresentazione di questa terza stagione. Commovente e inquietante (quasi infernale). Un capolavoro. Che altro dovrei dire?

Rispondi

Simpson

SPECIALE HALLOWEEN: Simpson, TOP 10 La Paura fa Novanta

Halloween è alle porte e abbiamo deciso di dedicare ai nostri lettori la top ten dei racconti di paura della…
Matrimonio, game of thrones, Kit Harington, Rose Leslie, Jon Snow, Ygritte

Game of Thrones: il matrimonio di Kit Harington ferma l’avanzata degli estranei

Game of Thrones: riprese bloccate! Tutto il cast parteciperà alla cerimonia. Il mese scorso la coppia ha annunciato il loro…

Cose random su Netflix Vol.2

Cose random su Netflix è tornato per la vostra gioia! Ok, siamo sinceri, sono quasi più felice io di scriverlo…
Game of Thrones

I 13+1 fatti storici a cui è ispirato Game of Thrones

Game of Thrones. Tra Storia e finzione: la geniale serie culto degli ultimi anni è ispirata a fatti e personaggi…
Legion 2, Noah Hawley, Dan Stevens

Legion 2: foto dal set e prima pagina della sceneggiatura!

Due giorni fa sono iniziate le riprese della seconda stagione di Legion. Ecco tutti i dettagli per gli appassionati degli…

10

Capolavoro

Pro

    contro

      Seguici sui nostri canali social!

      Vai alla barra degli strumenti