Car Mechanic Simulator 2018

6.5

Car Mechanic Simulator 2018

Regista

cast

sceneggiatore

produttore

Red Dot Games

durata

Offerte
€19.99
Data di uscita

Car Mechanic Simulator 2018: sporchiamoci le mani!

Simulare è sempre stato uno degli obiettivi di molti videgames. Pensiamo ad alcuni mostri sacri come “Flight Simulator” o “Assetto Corsa” (di cui abbiamo recentemente parlato). Negli ultimi anni, però, è nata una nicchia di prodotti che mirano a simulare grossomodo qualsiasi attività esistente nel mondo reale.
Vi sono degli studios che sono specializzati nel produrli. Red Dot Games è uno di questi e il loro “Car Mechanic Simulator” è giunto alla versione 2018. Scopriamo insieme se vale la pena sporcarci le mani oppure no.

Car Mechanic Simulator 2018

Non tutti hanno successo

La nicchia dei giochi che “simulano qualsiasi cosa” (anche, per esempio, il rimuovere le auto con il carro attrezzi) è nata qualche anno fa grazie alla disponibilità di game engines gratuiti o, comunque, a basso costo. Unity, per esempio, ha consentito a Red Dot Games di sviluppare “Car Mechanic Simulator” di cui parliamo in questa recensione.
E’ ovvio, però, che trattandosi di team piccoli – spesso indiepochi sono quelli che hanno successo e portano avanti il loro prodotto creandone una saga. Tanti sono i fattori che influenzano il destino di questi giochi: bontà tecnica, oggetto della simulazione e apertura verso la community che – si spera – si creerà intorno a loro.

Car Mechanic Simulator 2018
Al lavoro su una mitica Mustang

Un po’ di storia dei meccanici virtuali

L’idea alla base di “Car Mechanic Simulator”, ovvero simulare l’attività del meccanico di automobili, non è proprio nuova.
Andando indietro nel tempo, nell’olimpo degli abandonware, troviamo infatti “Street Rod” (parliamo degli anni ’90) e – più di recente – “Gearhead Garage” (2000).
Ad essere precisi, si lavora sulle auto ma in “Street Rod” lo si faceva per gareggiare più che per guadagnare soldi. “Street Legal Racing: Redline” compare nei primi anni 2000 e riprende il tema di “Street Rod” con una grafica più moderna ed una interattività sconosciuta sino ad allora.
“Car Mechanic Simulator” appare nel 2014 quando, pubblicato da Playway, viene pubblicato per Windows e Mac. Da allora, siamo giunti al terzo capitolo in 3 anni: qualcosa dovrà pur significare, no?

Car Mechanic Simulator 2018
Ebbene si, possiamo metterci al volante dei nostri bolidi

Officina, attrezzi e clienti: abbiamo tutto?

“Car Mechanic Simulator” ha sin da subito stupito per la grafica molto accurata e per la riproduzione fedele dei componenti meccanici delle vetture.
Con il capitolo “2018”, però, il balzo in avanti è ancora notevole e ci troviamo di fronte ad un prodotto di livello superiore. Il nostro habitat naturale sarà l’officina (e come potrebbe essere altrimenti ndr) in cui troveremo tutti gli attrezzi necessari per completare i lavori che decideremo di accettare.
Il tutto è riprodotto in modo eccellente ed i modelli delle vetture, seppur con nomi e brand fasulli per motivi di licensing, sono molto fedeli alle controparti reali.

Car Mechanic Simulator 2018
Grazie alla partnership con Mazda, sono presenti anche auto reali

Tramite il telefono potremo scegliere quali e quanti lavori accettare: ognuno rappresenta una sfida a cui corrisponde un relativo compenso in denaro.
Si passa dal semplice cambio olio e filtri al dover capire perché una vettura emetta rumore dalle sospensioni posteriori o addirittura non parta nemmeno. Progredendo nella carriera, potremo spendere i “punti esperienza” guadagnati in abilità per il personaggio, in nuove attrezzature per le indagini (come la diagnostica elettronica) o per ampliare la nostra officina.
L’interazione con gli elementi è molto semplice ed intuitiva: si fa tutto mediante i due pulsanti del mouse in un menù contestuale veramente ben congegnato.

Car Mechanic Simulator 2018
Interagire con vetture e attrezzatura è molto semplice

Svitare o avvitare? Questo è il dilemma!

“Car Mechanic Simulator 2018”, proseguendo sulla strada tracciata con i primi capitoli, offre anche attività diverse dalla riparazione dell’auto per i clienti.
Grazie alle aste, al concessionario di vetture nuove e ai cosiddetti barn finds (ritrovamenti di auto abbandonate in fienili o vecchi garage) potremo infatti entrare in possesso di vetture da sistemare e rivendere.

E’ chiaro che seppure lo sforzo di Red Dot Games sia evidente, l’attività principale che ci troveremo a svolgere nel gioco sarà svitare e avvitare bulloni per smontare e rimontare i diversi componenti. Certo, il dover “investigare” le problematiche espresse a parole dai clienti desterà interesse in una prima fase, ma con il passare del tempo subentrerà un po’ di monotonia. Forse questo è il più grande limite di “Car Mechanic Simulator”: sè stesso.

Car Mechanic Simulator 2018
Uhm, controlliamo questi freni

È la professione giusta per noi?

Laddove “Street Legal Racing: Redline” consentiva un uso intensivo delle vetture riparate o elaborate (aspetto, questo, poco sviluppato in “Car Mechanic Simulator”) qui potremo metterci al volante dei bolidi dei clienti o di nostra proprietà solo per prove tecniche o giri cronometrati su un tracciato. Il modello fisico implementato, però, è veramente scarso e non è lontanamente paragonabile nemmeno al più arcade dei giochi di guida. E’ un peccato, perché Unity avrebbe consentito di fare ben di più, ma evidentemente la guida è stata ritenuta di secondaria importanza.

Prima di concludere, però, voglio dare una parola di speranza. Con il nuovo capitolo, “Car Mechanic Simulator” si avvale dello Steam Workshop per consentire la distribuzione di mods.
Sono infatti già disponibili diversi modelli di auto (reali) aggiuntivi che sicuramente estenderanno l’esperienza di gioco rendendola più appagante per un pubblico maggiore. Gli sviluppatori, poi, come fatto per i precedenti capitoli rilasceranno diversi DLC con nuove auto (Mazda e Dodge sono già disponibili).

Car Mechanic SImulator 2018
Questo ufficio è proprio in disordine

Commento finale

Difficile dire se “Car Mechanic Simulator 2018” faccia per noi o no. Il gioco di per sè è valido. Graficamente ben fatto e con uno schema comandi eccellente sa divertire e appagare la vista.
La ripetitività, però, nonostante gli sforzi degli sviluppatori di inserire elementi di svago e sfida, subentra dopo poco tempo.
Consiglio l’acquisto se siete veri appassionati, anzi, nerd, del mondo delle auto o se volete intraprendere una carriera come meccanici. In qualsiasi altro caso, mettetelo nella vostra libreria personale solo quando sarà scontato su Steam perché è molto probabile che dopo qualche ora lo parcheggerete.

Alberto Vaghi

Rispondi

Total Warhammer II

Il trailer di lancio di Total War: Warhammer II finalmente disponibile!

Immergiti a 360° in Total War: Warhammer con il trailer di lancio, da oggi in anteprima  La seconda puntata dell’epica…

Nuovo incredibile gameplay per Wolfenstein II: The New Colossus

Ecco a voi il nuovo video gameplay di Wolfenstein II: The New Colossus  In "Wolfenstein II: The New Colossus", dovrete salvare…
La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra

La Terra di Mezzo: L’Ombra della Guerra vi aspetta alla Games Week di Milano, dal 29 settembre all’1 ottobre

La Terra di Mezzo: L'Ombra della Guerra è pronto a stupire tutti alla Milan Games Week. Warner Bros. Interactive Entertainment è…

La critica videoludica si inchina davanti a Divinity: Original Sin II

Divinity: Original Sin II sembra mettere d'accordo tutti "Divinity: Original Sin II" uscito il 14 Settembre portava sulle sue spalle…

Toriyama elogia Dragon Ball FighterZ

Akira Toriyama adora il nuovo Dragon Ball FighterZ Nell’ambito dei videogiochi, storicamente parlando, si contano sulle dita di una mano i…

7

Buono

Pro

    contro

      Seguici sui nostri canali social!

      Vai alla barra degli strumenti